Musica spiccia allo Spazio Gloria: musica colorata piena di energia

Venerdì 3 dicembre 2021, al Gloria, due percorsi si incontrano: quello di uno spazio aperto alla cultura di tutti i tipi e quello di un gruppo musicale che condivide tutti gli emisferi e tutte le età.

Al primo sguardo, l’immagine appare incongrua: ragazze e ragazze in abiti estivi e piedi nudi sul palco del Gloria in un giorno di dicembre che è – sinceramente – già piuttosto freddino… Talmente straniante che persino Giulia Cavicchioni pronta a dirigere il nuovo concerto di Musica spiccia si sente in dovere di giustificarla: è evidentemente un omaggio all’estate, più precisamente all’estate appena passata, densa di attività (e anche di successi) per il gruppo.

Messa così, la metafora è parlante: quella spiccia è musica da sole estivo non certo da pallido e velato sole invernale, e nonostante gli ampi riferimenti alle sonorità mitteleuropee si richiama in primo luogo all’amatissima isola di Capo Verde (da cui – dice sempre Giulia – Musica spiccia manca da “troppo” tempo).

Quindi, avendo di mira la calda sabbia delle spiagge più che il freddo pavimento, la musica conduce il pubblico in un rapido giro del mondo (comunque, quasi due ore) dai ritmi mediterranei a quelli yiddish, dalla saudade capoverdiana al Venezuela. L’occasione è la presentazione del nuovo album Ti coloro la musica, l’obiettivo è sostenere la campagna “Manchi tu nell’aria” per l’acquisto collettivo del Cinema Gloria, l’effetto generale è quello di una forte energia che contagia il pubblico: una bella spinta a “tirarsi fuori” da un periodo tutt’altro che confortevole.

La bacchetta da direttora di Giulia, da sempre adornata da un fiore rosso e adesso anche da foglie verdi, è instancabile, e il gruppo (di tutte le età: da giovanissimi e giovanissime fino a chi di primavere ne ha passate un po’) risponde con entusiasmo, con strumenti, voci e anche “inscenando” i brani.

Gli applausi del pubblico presente valgono come ringraziamento non solo per il concerto ma anche per tutta l’esperienza del Baule dei suoni e di tutta la sua Musica spiccia. Nessuno dubita che presto ci sarà l’occasione di rincontrarsi, in giro, in piazza, sulle strade del mondo, col caldo (magari!). [Fabio Cani, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: