Fabio Cani

8 settembre/ Memoria di una tragedia nazionale

Si è svolto in occasione della ricorrenza dell’8 settembre un momento di commemorazione voluto dal Centro Studi Schiavi di Hitler, insieme ad Anpi e Istituto di Storia Contemporanea “P.A. Perretta”, soprattutto per ricordare le centinaia di migliaia di soldati italiani abbandonati dalla monarchia, dopo l’armistizio, in balia degli occupanti nazisti.

(altro…)

Vilma Conti/ Una vita di Resistenza e di impegno

Vilma Conti. O Wilma? Il suo nome lo si trova scritto in entrambi i modi, da sempre, ma è stato suo nipote Silvio a chiedermi – recentemente – di correggere sulle pagine di un libro «il nome della zia», perché lei si chiama «Vilma», con la V semplice. In ossequio a quell’italianizzazione forzata dei nomi stranieri in voga sotto il fascismo.

L’episodio, che sembra di irrilevante importanza, è però significativo di un rapporto quasi familiare con Vilma, anche per me che pure devo ammettere di averla conosciuta “tardi”, anche se mi sembra di conoscerla da sempre… Del resto siamo stati ai capi opposti del lago. Lei in Alto Lario, un po’ laghée e un po’ montanara, e io cittadino in fondo a un ramo chiuso.

(altro…)

Ciao Vilma

È morta nella mattinata dell’11 agosto Vilma Conti, staffetta partigiana ed esponente dell’antifascismo comasco, punto di riferimento essenziale per tutte le persone che avevano e hanno a cuore le sorti della democrazia. Vilma, nata a Dongo nel 1929, è stata una delle più giovani staffette della Resistenza comasca, stabilmente impegnata nei ranghi della 52ma brigata Garibaldi, a cui partecipava anche il padre Luigi. È stata anche una delle più longeve attiviste dell’antifascismo comasco, senza mai derogare al suo impegno di testimonianza e di lotta.

(altro…)

Guerra e pace/ L’anniversario di Hiroshima e Nagasaki

Sobria cerimonia, nella mattinata del 9 agosto (giorno in cui nel 1945 fu sganciata la seconda bomba atomica su Nagasaki, tre giorni dopo quella che distrusse integralmente Hiroshima), per ricordare, vicino al Monumento alla Resistenza europea, che ospita anche una pietra proveniente dalla città giapponese rasa al suolo, quella tremenda carneficina.

(altro…)

In piazza il 23 luglio per i Diritti e la Pace

Doppio appuntamento di mobilitazione, nella mattinata di sabato 23 luglio, a Como in piazza Vittoria, che ormai da molto tempo in occasioni come questa si è deciso di ribattezzare piazza della Pace: per l’adesione alla manifestazione nazionale sulla Pace (“Europe for Peace”) dalle 10 alle 11, e per la Marcia dei nuovi desaparecidos di Como senza frontiere dalle 11 alle 12.

(altro…)

Mostre/ Fotografia svizzera dell’Ottocento a Lugano

Fino al 3 luglio è possibile visitare al LAC di Lugano l’esposizione Dal vero. Fotografia svizzera del XIX secolo e dedicata – come si capisce facilmente – alle origini della diffusione dell’espressione fotografica nel territorio elvetico, anche in quello più prossimo al confine italiano, ed è quindi un’occasione propizia per verificare similitudini e differenze tra i territori, anche in continuità con altre occasioni espositive di cui abbiamo parlato recentemente.

(altro…)

Ruggero Pini: il paesaggio del lago e le fotografie

Il Museo del paesaggio del Lago di Como, a Tremezzo, nato pochi anni fa, ha un ruolo fondamentale nell’orizzonte culturale di un territorio e di un lago che hanno fatto della loro immagine e del loro fascino una risorsa fondamentale (anche dal punto di vista economico). Fortunatamente, il Museo del paesaggio sta facendo un ottimo lavoro, dal punto di vista della crescita della conoscenza e da quello della promozione. Proprio in questi giorni si è arricchito di una nuova sezione, con le fotografie provenienti dalla collezione di Ruggero Pini.

(altro…)

Dongo libera/ Prima e dopo la piazza

Ci sono molti significati nella “piazza” che anno dopo anno si ritrova a Dongo per manifestare la continuità della lotta di Liberazione contro ogni fenomeno nostalgico e contro ogni sentimento acquiescente verso le ideologie oppressive che dovrebbero essere archiviate nel passato.

(altro…)

Accusata di “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”

Il presidente di Baobab Experience, associazione romana impegnata nell’accoglienza dei migranti, è stato accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e rischia fino a 18 anni di carcere. Questa è la notizia, diffusa nelle scorse ore. Dietro, e dentro, questa notizia c’è un mondo. Andrea Costa, animatore e presidente di Baobab, lo conosciamo bene: è un nostro amico, un amico di Como senza frontiere, fin da quel 2016 cui si riferiscono i fatti di cui è accusato; è stato a Como più volte; ci ha aiutato a capire cosa fare e come fare; con Baobab abbiamo condiviso molte idee e anche molte azioni. Forse, comunque, troppo poche, a giudicare col senno di poi.

(altro…)

I disastri della guerra, in musica

Essere per la pace, essere contro la guerra significa sapere cosa sia la pace, cosa sia la guerra. E in questo campo c’è sempre da imparare, c’è sempre da riflettere per essere sempre più coscienti sul percorso verso una vera pace: un’esigenza che mai come in questi giorni di dolore e smarrimento per quel che accade in Ucraina si fa sentire in tutti e tutte noi. Anche pensando a questo l’Arci ha promosso il concerto proposto dal gruppo di musica popolare D’Altrocanto: per proseguire il percorso di pace, per sostenere le iniziativa di accoglienza e assistenza della Parrocchia di Rebbio e dell’Arcs, e anche per lenire la sofferenza ideale.

(altro…)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: