28 gennaio/ Auser Como/ La nostra città, la nostra casa

Il 28 gennaio 2022 dalle ore 14,30 si terrà online l’incontro dal titolo La nostra città, la nostra casa: costruire relazioni di cura, abitare luoghi solidali parte del progetto Il futuro è oggi. L’evento fa parte di una serie di piazze telematiche volte ad evidenziare le diverse criticità e problematiche del territorio.

L’incontro dal titolo La nostra città, la nostra casa: costruire relazioni di cura, abitare luoghi solidali del 28 gennaio 2022, parte del progetto Il futuro è oggi, è il primo di una serie di piazze telematiche aventi l’obiettivo di porre l’attenzione su una serie di problematiche prioritarie che troveranno spazio su una piattaforma partecipativa che a breve sarà a disposizione dei cittadini.

Lo scopo del webinar è quello di approfondire il tema dell’abitare in un’ottica di sostenibilità e solidarietà: un ambiente costruito accessibile per costi e per qualità delle relazioni che lo popolano. Accogliente, senza barriere, con soluzioni tecnologiche a misura delle persone e non energivore. La speranza è poi quella di riuscire a stimolare proposte da sottoporre al giudizio dei cittadini attraverso la piattaforma partecipativa e da consegnare ai decisori pubblici.

A Como, da tempo, mancano interventi di edilizia pubblica efficaci e sono tantissimi e diversi i bisogni abitativi che non trovano risposta. Laddove degli interventi ci sono stati, in passato, è presente una situazione di degrado che necessita di manutenzione e di risposte organiche. L’offerta abitativa è nel complesso scarsa e per le persone con fragilità questa scarsità assume proporzioni anche maggiori.

Questa prima piazza telematica dal titolo La nostra città, la nostra casa sarà una occasione di partecipazione e stimolo per un dibattito ragionato dove interverranno diversi esperti.

A seguito dell’introduzione di Massimo Patrignani (Auser e staff del progetto Il futuro è oggi) interverranno: Paola Bucciarelli (Bgk Associati) ragionando sul ruolo dell’ambiente costruito e delle reti sociali per il benessere e la qualità della vita nello spazio come barriera o facilitatore e più in generale sui nuovi scenari dell’ambiente costruito; Marco Di Luccio di Abitare e Anziani, associazione che opera per affermare il diritto delle persone anziane a vivere in autonomia e indipendenza, parlerà delle modalità di miglioramento della vita nella terza età; Elena Monetti (Arco-Iris e Crais) e Fabio Salice (Politecnico di Milano) discuteranno di progettazione socio-tecnologica a supporto di persone in condizioni di fragilità e vulnerabilità sociale; l’intervento di Flavia Bianchi (Legambiente Piemonte) verterà sul caso studio dell’esperienza in atto a Villa Mater di Rivoli, un percorso che prevede la costruzione di una residenza abitativa dove giovani e anziani possano convivere e supportarsi reciprocamente grazie a servizi comuni;   Luigi Nessi (Arci – Ucc Albate), già consigliere Comunale, attivista in molteplici situazioni di disagio, che già in occasione del tavolo partecipativo “Albate si cambia” aveva sottolineato le criticità dell’abitare nello specifico comasco porterà uno sguardo proprio su questo tema.

Infine, alle 16,30 il dibattito sarà allargato e verranno portati contributi ed esperienze di: Azienda sociale comasca e lariana (Ascl), Cgil, Spi, Filea, Confcooperative, Fondazione Scalabrini e Oltre il giardino. [Auser Como]

Progetto ID 2285150 Il futuro è oggi, di Arci Como, Auser Como, Legambiente Como, L’isola che c’è, Battito d’ali, Sentiero dei sogni e ecoinformazioni,  approvato e finanziato con DDUO n. 16298/2020 dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e da Regione Lombardia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: