Propaganda sulla pelle degli inquilini

Anche a Como gli inquilini delle case popolari Aler hanno ricevuto in questi giorni una lettera dall’ente per elogiare l’azione del governo lombardo. Una lettera firmata dal presidente e candidato a riesserlo con una delle due liste della destra alle prossime lezioni. L’evidente scorrettezza è stata segnalata da Como e da molte altre province della Lombardia da Allenaza Verdi e Sinistra e sarà oggetto di un’interrogazione parlamentare di Tino Magni al Senato. Nel seguito il comunicato di Avs.

«Alleanza VerdiSinistra e Reti Civiche denuncia il comportamento scorretto da parte di Aler che, nelle province di Milano, Bergamo, Sondrio, Como, Mantova, Cremona e Lecco, ha inviato agli inquilini delle case popolari una lettera, firmata in calce dal Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, che elogia l’operato di Regione Lombardia con chiaro intendo propagandistico in piena campagna elettorale.

Nella lettera si legge chiaramente “come ha potuto già notare, Aler, consapevole delle gravi difficoltà economiche di gran parte dell’inquilinato, grazie al supporto di Regione Lombardia, nel 2022 ha contenuto i costi del riscaldamento a carico delle famiglie assegnatarie.”

Continua “Anche per il 2023, con il sostegno di Regione Lombardia, confermiamo l’impegno a contenere il più possibile gli aumenti del costo del riscaldamento”.

Questa azione di propaganda è stata fatta sulla pelle delle persone, sfruttando le sofferenze dell’inquilinato che per le mancanze e i disservizi di Aler continua a vivere quotidianamente nel disagio. Tutto questo per influenzare il voto alle elezioni regionali del 12 e 13 febbraio. Al peggio non c’è mai fine.

Il fatto è stato menzionato anche in una interrogazione parlamentare sull’emergenza casa da parte di Tino Magni, senatore di Alleanza Verdi Sinistra». [Alleanza Verdi e Sinistra Lombardia]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: