cortometraggi

Prossima fermata Como. E poi?

Sabato 11 febbraio al Teatro Lucernetta di Como si svolgerà la “giornata delle idee” organizzata da “Prossima fermata Como” per proporre alla città quello che c’è e quello che potrebbe esserci. L’iniziativa è stata presentata con una settimana di anticipo nella sala del Dopolavoro ferroviario vicino alla stazione S. Giovanni di Como.

(altro…)

I respiri degli spiriti cinematografici

Dal 9 al 12 maggio al circolo Arci Xanadù per il festival ReSpiri(ti). Tre giorni di proiezioni con il meglio delle produzioni indipendenti, locali e nazionali.

«Con questo festival vogliamo creare uno spazio di relazione per le “scintille”, le potenzialità presenti nel panorama del cinema indipendente comasco. Non solo una vetrina, ma anche un punto d’incontro per sviluppare la collaborazione reciproca». Così Edoardo Colombo, dell’Arci Xanadù, ha presentato la prima edizione del festival del cinema invisibile di Como, ReSpiri(ti), realizzato in collaborazione la Provincia di Como, l’assessorato alla cultura del Comune di Como, il circolo Arci MookaMoovie, Como Out, I lunedì del cinema, Ipsia Ripamonti, Arci Como e Ucca. L’appuntamento è per il fine settimana dal 9 al 12 maggio, quando al circolo Arci Xanadù in via Varesina 72 saranno proiettati lungo e cortometraggi del panorama indipendente locale e nazionale.
«La collaborazione tra i circoli – ha continuato Donald Cortese dell’Arci Mooka Movie – è risultata naturale, perché ci accomuna l’idea di dare visibilità al cinema indipendente, non per fare i talent scout, ma perché vogliamo creare canali di produzione e distribuzione per tutti quei lavori che si pongono in controtendenza rispetto al cinema di massa. Credere in questo tipo di cinema significa innanzitutto ribaltare il paradigma diffuso che vede nelle produzioni indipendenti un ripiego. Con questo festival vogliamo mostrarne invece la forza e, perché no, aiutarle a crescere».
Da sottolineare la collaborazione dell’Ipsia Ripamonti, che dal prossimo anno proporrà ai suoi iscritti un nuovo corso di Comunicazione audiovisiva. Il festival – secondo gli organizzatori – potrà quindi diventare lo sbocco naturale delle produzioni dei futuri alunni. «I rapporti con l’istituto sono iniziati quest’anno con il concorso, rivolto agli studenti di grafica, per la locandina di ReSpiri(ti), che è stata ideata e realizzata da un’alunna della Ripamonti. Dall’anno prossimo la collaborazione con gli alunni sarà un ulteriore stimolo per il festival».
L’inaugurazione con aperitivo è venerdì 9 dalle 20. Finiti i salatini, alle 20.45, proiezione del film fuori concorso Biutiful countri di Esmeralda Calabria, Andrea D’Ambrosio e Peppe Ruggiero (Italia, 2007, 83′) sull’emergenza dei rifiuti campani, a seguire Anoir di Nicola Piovesan (Italia, 2007, 90′), in concorso per la sezione Lunghi respiri. Chiude la serata un dj set a cura del circolo Arci Xanadù.
Il pomeriggio di sabato 10 è dedicato ai corti in concorso, divisi in tre categorie: Giovani respiri, che accoglie i corti prodotti dai giovani comaschi, in proiezione dalle 14 alle 14.30, Respiri del lago, aperta agli autori lariani, dalle 14.30 alle 16.30 e Lievi respiri, coi lavori di autori nazionali, dalle 16.30 alle 20.30.
Alle 20.45, storie di call center con il fuori concorso di Ascanio Celestini Parole sante (Italia, 2007, 75′) che narra dei lavoratori precari dell’Atesia, il più grande call center europeo con sede a Cinecittà; in concorso invece il film Dallo zolfo al carbone (Belgio-Italia, 2008, 60′) di Luca Vullo che sarà proiettato alle 22.15. A chiudere alle 23.30 il documentario Voi sparate io disegno sul ferimento di Rumesh nell’aprile 2006.
Domenica 11 sarà dedicata ai lungometraggi. Si parte alle 16 con Solite cose (Italia, 2007, 100′) di Tony Sbarbaro, in concorso, per continuare con Kiss me Lorena (Italia, 2007, 84′) di Giulielmo Fava e Alessandro Izzo. La sera verrà aperta dalla proiezione di Zero: Indagine sull’11 settembre (Italia, 2007, 120′), fuori concorso, e chiusa da Una ballata bianca (Italia-Olanda, 2007, 78′) di Stefano Odoardi, in concorso. La maggior parte dei film e dei corti in concorso saranno introdotti e presentati dai registi.
Due le giurie che valuteranno il miglior lungometraggio e il migliore corto per ognuna delle tre categorie: una ufficiale, composta da Andrea Giordano, giornalista, Silvia Taborelli, del festival Cinemambiente di Torino, Alessio Brunialti Griffani, giornalista e Fabrizio Fogliato, critico cinematografico affiancata dalla giuria popolare, composta da appassionati comaschi di cinema e presieduta da Mattias Bresciani, direttore dell’Uci Cinemas di Montano Lucino. Il verdetto sarà pronunciato dalla regista Marina Spada lunedì 12 maggio alle 20.30 prima della proiezione del suo film Come l’ombra (Italia, 2006, 87′).
Il biglietto giornaliero per il festival è in vendita 30 minuti prima dell’inizio delle proiezioni a 7 euro (ridotto 5 euro), oppure è possibile acquistare una card a 15 euro che consente di seguire tutte le proiezioni. [Francesco Colombo, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: