Giornata internazionale contro l’omofobia

17 maggio/ Arciwebtv/ Giornata internazionale contro l’omofobia

Dalle 16/ Per la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia presentiamo il video dell’intervento Il ricordo dello sterminio degli omosessuali, organizzato il 27 gennaio 2017. Per ricordare e non dimenticare che anche oggi l’omofobia porta alla violenza: si stima che gli omosessuali internati nei lager siano stati almeno cinquantamila. All’incontro ha partecipato anche Giovanni Boschini , presidente dell’Arcigay di Varese. Leggi l’articolo su ecoinformazioni.

Gli altri programmi del 17 maggio.

La programmazione completa di Arci Como WebTV.

17 maggio/ Giornata internazionale contro l’omofobia

noomofobia arci gay4In occasione della giornata internazionale contro l’omofobia, la transfobia e la bifobia, Arcigay presenta il report Omotransfobia 2015-2016, dodici mesi di parole e crimini d’odio contro le persone lgbti; in Italia il fenomeno è ancora letale, lo testimoniano i due omicidi e i due suicidi che compaiono nel rapporto, insieme agli altri 104 episodi di omotransfobiariportati.

Un anno di analisi che testimonia  la fragilità sociale delle persone lgbti, ancora esposte a pericoli dettati dalla loro condizione, e la trasversalità del fenomeno; il tratto più preoccupante del report è l’evidenza di un’omofobia diffusa, senza identificazione di classe, ruolo sociale, età, provenienza geografica o estrazione economica e culturale.

noomofobia arci gay1«Servono leggi, sicuramente. La prima è quella contro l’omotransfobia, in vigore in tantissimi Paesi d’Europa e del mondo, che giace immobile da oltre 300 giorni alla Commissione Giustizia del Senato. Ma servono anche azioni culturali e di welfare, per sgretolare il pregiudizio e sostenere le persone fatte bersaglio dei crimini e delle parole d’odio. Non solo a Roma, quindi, ma in tutti i luoghi istituzionali del nostro Stato va aperta una discussione seria e concreta sulle azioni che è necessario mettere in campo», ricorda Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay.

Da quando, quindi, nel 1990 l’omosessualità è stata finalmente rimossa dalla classificazione internazionale delle malattie mentali stilata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità molti passi sono stati fatti, non ultimo l’approvazione della legge sulle Unioni Civili l’11 maggio scorso, ma molti sono ancora da fare.

«Ci rincresce che ancora oggi sia necessaria una giornata contro l’omofobia, perché ancora troppo spesso le persone vengono discriminate e perseguitate per il loro orientamento sessuale. Ci rincresce che ancora oggi sia necessario sensibilizzare istituzioni e cittadinanza sull’urgenza di adottare provvedimenti legislativi che contrastino l’omofobia e favoriscano il riconoscimento di diritti per tutte, per tutti» sottolinea Celeste Grossi, consigliera di Paco-Sel nelle dichiarazioni preliminari del Consiglio Comunale del 16 maggio. L’invito è quindi a sostenere «la campagna lanciata da Arcigay condividendo l’urgenza per il nostro paese di avviare un processo di cambiamento culturale e legislativo». [Marisa Bacchin, ecoinformazioni]

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: