Giuseppe D’Elia

Riforma costituzionale brutta, sbagliata e pericolosa

18maggioproserpioSala della Cna di Como gremita per l’incontro sulla riforma costituzionale mercoledì 18 maggio. Per il Comitato Democrazia costituzionale la serata è  stata aperta da Bruno Saladino che è entrato subito nel merito della questione attaccando il testo di riforma anche sul piano della chiarezza e della qualità testuale. A Saladino è bastato leggere l’articolo 70 della costituzione Boschi-Renzi per mettere in chiaro l’assoluta mancanza di chiarezza del testo cosa che in una Costituzione è problema gravissimo. La relazione di Giuseppe D’Elia,  docente di Diritto pubblico all’Università dell’Insubria, Quale Repubblica ci consegna la riforma costituzionale?  ha analizzato con competenza e senza tecnicismi i diversi articoli dando ai presenti la piena sconfortante evidenza di un testo pericoloso  e anche tecnicamente raffazzonato e inaccettabile. Presto on line i video sui canali di ecoinformazioni e Altra Como.

Guarda la galleria delle foto.

 

Guarda sul canale di ecoinformazioni tutti gli altri video dell’iniziativa.

18 maggio/ Quale Repubblica con riforma costituzionale e Italicum?

buon Compleanno Repubblica ! A5 webMercoledì 18 maggio alle 21 alla Cna in viale Innocenzo XI  70 a Como il Comitato Democrazia costituzionale invita all’incontro Quale Repubblica ci consegna la riforma costituzionale? Quali rischi comporta la contestuale applicazione della nuova legge elettorale “Italicum”? Interviene Giuseppe D’Elia, docente di Diritto pubblico all’Università dell’Insubria. Introduce Bruno Saladino.

29 maggio/ Riforme costituzionali: modifiche in campo e prospettive

repubblica italianaDibattito pubblico con Giuseppe D’Elia, docente di Diritto pubblico all’Università degli studi dell’Insubria, introduce Bruno Saladino, coordinatore del Comitato comasco per la difesa della Costituzione, venerdì 29 maggio alle 18 a Cna in viale Innocenzo XI 70 a Como, organizza il Comitato comasco per la difesa della Costituzione. Per informazioni e-mail difesacostituzione@alice.it

Abbiamo chiesto a Bruno Saladino, coordinatore del Comitato comasco per la difesa della Costituzione, di sintetizzare le ragioni dell’incontro.

«Il prossimo 2 giugno celebreremo il 69° compleanno della Repubblica. Quale Repubblica celebreremo? Quella che per tanti decenni abbiamo definito come “nata dalla Resistenza”? O il nuovo assetto istituzionale che si profila e che potrebbe modificarne taluni tratti essenziali?

E con quale Costituzione Repubblicana nel corso di quest’anno ci dovremo confrontare? Con quella “nata dalla Resistenza”?  O forse con un’altra Costituzione, fortemente emendata e diversa?  Ci ritroveremo per discutere di questo con un giurista, il professor Giuseppe D’Elia dell’Insubria.

Vorremmo preservare il nostro incontro dalle insidie della polemica partitica, come sempre fatalmente strumentale, e mantenere la discussione sul piano più oggettivo dei contenuti. Vero è, tuttavia, che di fronte alle novità che si profilano non ci si potrà astenere da interrogativi di fondo: la nostra democrazia si avvia a una piena conferma o a un restringimento dei suoi spazi?   Il concorrere della nuova legge elettorale con le modifiche costituzionali previste quali effetti produrrà sulla vita civile e sociale del nostro Paese?» [Bruno Saladino, Coordinatore del Comitato comasco per la difesa della Costituzione]

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: