822 licenziamenti a Como nel primo bimestre 2011, +13,53% rispetto al 2010

«Dopo l’aumento nell’utilizzo della Cassa Integrazione ancora un dato più che negativo per la Provincia di Como: continuano a crescere i licenziamenti – dichiara una nota della Cgil comasca –. La Commissione Provinciale delle Politiche del Lavoro dell’Amministrazione Provinciale attraverso la sottocommissione Mobilità ha infatti definito la lista di mobilità del mese di febbraio 2011»

«La lista – precisa il comunicato – è composta da 442 nuovi iscritti di cui 196 (44,35%) ex legge 223, provenienti da aziende con più di 15 dipendenti, 239 (52,05%) ex legge 236, provenienti da aziende con meno di 15 dipendenti e 7 frontalieri che costituiscono l’1,6% del totale della lista di febbraio».

«Rispetto al febbraio dell’anno scorso – prosegue lo scritto – vi è un aumento complessivo del 16,32% con un balzo più marcato, il 47,37%, dell’incremento dei lavoratori licenziati da aziende con più di 15 dipendenti, mentre si registra una leggera riduzione dei licenziati da aziende con meno di 15 dipendenti ( -0,83%)».

«Se si raffronta il 1° bimestre del 2011 con lo stesso bimestre del 2010 i licenziamenti passano da 724 nel periodo gennaio-febbraio 2010 a 822 nello stesso periodo di quest’anno – conclude la nota della Camera del lavoro comasca –. Ciò significa che si registra un incremento del 13,53% del totale dei lavoratori licenziati nel primo bimestre del 2011 che si articola con un incremento del 13,05% nei licenziamenti in aziende sopra i 15 dipendenti, un aumento del 13,2% nelle aziende con meno di 15 dipendenti e + 44,44% per i frontalieri».

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: