Sciopero a Equitalia

Stato di mobilitazione con due scioperi programmati venerdì 15 e lunedì 18 2011 con interruzione anche delle attività di sportello

 I lavoratori di Equitalia Esatri SpA, «una società privata, che gode di autonomia finanziaria e contribuisce con i propri utili a risanare il bilancio consolidato dello Stato» ricordano i sindacati, «dopo lo sciopero nazionale del 21 marzo u.s. che ha conseguito un’adesione del 90% dei lavoratori», incroceranno le braccia contro la «decisione del Governo di assimilare Equitalia SpA alla pubblica amministrazione».

I sindacati lamentano che nonostante «negli ultimi cinque anni ha raddoppiato i volumi di riscossione, prevedendo per l’anno 2011 nuovi ambiziosi obiettivi, incrementati del 20% ca», con un «maggior impegno richiesto ai lavoratori», permane «il blocco della contrattazione, delle assunzioni e della retribuzione per gli anni 2011-2013 sospendendo così dinamiche retributive e normative, conquistate con accordi sottoscritti negli ultimi 50 anni».

«Le conseguenze della grave ingiusta e miope decisione – concludono i sindacati – rischiano di ripercuotersi oltre che sul positivo processo di efficienza del servizio nei confronti degli stessi cittadini, in modo tangibile  sui risultati dell’attività di riscossione dei prossimi anni».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: