Un Patto per lo sviluppo per il territorio lariano

Confindustria Como e le segreterie Confederali di Como di Cgil, Cisl e Uil hanno presentato lunedì 18 aprile un Patto per lo sviluppo, la qualificazione dell’occupazione e la competitività del sistema industriale comasco

 «Il settore manifatturiero continuerà ancora per molti anni ad essere il motore dell’economia comasca sia in termini di PIL che in termini di occupazione, e perciò deve essere ascoltato nelle sue necessità – spiega un comunicato della Confindustria comasca – la ripresa economica è in atto ma è ancora debole e le aziende necessitano di interventi di accompagnamento istituzionale, in particolare a livello locale».

Le tre vie da seguire sono per i firmatari sono ricerca, innovazione e flessibilità.

Le parti hanno definito sei temi fondamentali «per i quali verranno studiate apposite iniziative e progetti»:

«Occupabilità e formazione

Impegno nella modifica – d’accordo con l’Amministrazione Provinciale – delle rilevazioni dell’Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro, per valorizzare gli elementi qualitativi di domanda e offerta anche attraverso il censimento delle richieste inevase, affinché sia possibile orientare meglio le politiche attive del lavoro; realizzazione di un sistema di orientamento permanente per gli studenti e le famiglie, per garantire loro una migliore conoscenza del mercato del lavoro; sviluppo di rapporti di collaborazione con le scuole ad indirizzo tecnico e professionale, offrendo possibilità di aggiornamento agli insegnanti e adeguamento dei contenuti didattici; ampliamento del sistema di incontro tra giovani e imprese, a partire dal progetto “Studenti d’impresa” lanciato da Confindustria Como poche settimane fa; impulso alla Commissione Paritetica per la Formazione per il rafforzamento dell’occupabilità dei lavoratori in mobilità di aziende aderenti a Fondimpresa.

Contrattazione di secondo livello

Convenendo che la situazione attuale non consente alle aziende di affrontare miglioramenti retributivi aziendali – se non in presenza del miglioramento degli indici di produttività e redditività, che potrebbero essere riconosciuti attraverso premi di risultato – Confindustria Como e le Organizzazioni Sindacali affidano alle rispettive categorie – con il coordinamento delle Confederazioni – la predisposizione di schemi contrattuali condivisi di premi di risultato che le aziende potranno inserire negli accordi aziendali di secondo livello.

Welfare

Su questo tema Confindustria Como e le Organizzazioni Sindacali hanno costituito un apposito gruppo di lavoro che – entro settembre 2011 – intende operare una ricognizione delle esperienze più rilevanti nella contrattazione nazionale o di secondo livello o nelle prassi aziendali, e che individui i bisogni prioritari e le soluzioni gestionali e di copertura dei costi.

Sicurezza

Sfruttando le possibilità offerte dal Fondo Interprofessionale Fondimpresa, verrà affidato alla Commissione Paritetica Provinciale l’incarico di progettare interventi di formazione sia obbligatoria che facoltativa per i lavoratori, ma anche di sensibilizzazione per gli studenti.

Iniziative di integrazione

Con la finalità di permettere un migliore inserimento dei migranti nell’ambito del lavoro verranno realizzati corsi di lingua italiana.

Promozione della legalità

Concordando che la legalità nei rapporti economici è fondamentale per evitare fenomeni di concorrenza sleale e di elusione di normative, verrà promossa presso le imprese associate l’adozione di regole che aiutino nella scelta responsabile di partners, subappaltatori e fornitori, ma anche la conoscenza degli strumenti per la verifica dell’attuazione delle misure di sicurezza sul lavoro e della regolarità contributiva dei lavoratori delle aziende appaltatrici».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: