Domenica 1° maggio non può diventare la festa del consumismo

Luisa Seveso, presidente delle Acli comasche, si schera dalla parte dei lavoratori sulla questione del 1° maggio che il centrodestra comasco ha reso giorno lavorativo calpestando i diritti sindacali e determinado lo sciopero del commercio. Leggi il testo della lettera delle Acli di Como ai sindacati.

1 thought on “Domenica 1° maggio non può diventare la festa del consumismo

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: