Banda larga in aumento in Lombardia

Nel Comasco altri 13 Comuni sono stati coperti dal servizio

L’anno scorso erano 707 i comuni lombardi non raggiunti dalla Banda larga, per 800mila abitanti, ora 274, 327mila cittadini, sono stati coperti dal servizio grazie a un accordo fra Regione e Telecom Italia per: «La diffusione dell’Adsl nelle cosiddette aree a fallimento di mercato». Una operazione che vuole uniformare un servizio a livello regionale e portare all’azzeramento del cosiddetto digital divide. Ora il 96 per cento dei lombardi ha un accesso a internet veloce, anche se dei Comuni coperti dal servizio solo 150 lo sono totalmente e 124: «Lo sono al momento parzialmente o in fase di completamento». In provincia di Como 13 sono i Comuni interessati, 11 con una xopertura completata Asso, Cirimido, Domaso, Gironico, Lanzo d’Intelvi, Locate Varesino, Monguzzo, Peglio, Rodero, Ronago, Vertemate con Minoprio, e 2 con copertura parziale Bregnano e Senna Comasco.

Per il futuro Regione Lombardia punta alla copertura di tutti i Comuni rimanenti entro la fine del 2013 e verranno così: «Adeguate 918 centrali telefoniche e apparati stradali presenti sul territorio per una posa complessiva di circa 3.700 km di fibra ottica».

«Il costo totale del progetto è di circa 95 milioni di euro, di cui 41 a carico della Regione Lombardia e i rimanenti di competenza di Telecom Italia – spiegano da Palazzo Lombardia, che precisa come – grazie agli accordi siglati da Telecom Italia e le Amministrazioni provinciali di Bergamo, Brescia, Lodi, Pavia e Sondrio, è stato possibile utilizzare le cosiddette “minitrincee”, tecniche di scavo innovative che riducono l’impatto ambientale e il costo dei lavori per la realizzazione delle reti di telecomunicazioni e per potenziare i servizi a banda larga». [md – ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: