Rappresentati per via del Doss

comuneAncora in Comune i cittadini di Civiglio contro il traliccio, eletti i rappresentanti consiliari nella Commissione consultiva del Centro diurno disabili di via del Doss il Consiglio comunale comasco di lunedì 28 gennaio ha sviscerato per una serata intera, senza arrivare a una votazione, una mozione per l’introduzione di un software per segnalare disservizi

Su dei posteggi bianchi utilizzati «da due società che affittano automobili» in viale Innocenzo XI è intervenuto nelle preliminari al Consiglio comunale di Como lunedì 28 gennaio Diego Perverelli, Lega, chiedendo di intervenire e dando, come spesso succede, in escandescenze, battibeccando con il sindaco, reo di non prendere in seria considerazione le sue lamentele. Il capogruppo della Lega ha invece chiesto di controllare meglio gli stalli per le moto, spesso occupate indebitamente da autovetture, attivando i vigili in tal senso. Ada Mantovani, Adesso Como, ha invece chiesto di intervenire contro i writer che hanno «imbrattato vergognosamente alcune vie del centro storico», ricordando che le telecamere servono a poco essendoci una sola persone a visionare tutte quelle installate. Una richiesta di accesso agli atti quella al centro della preliminare di Sergio Gaddi, Pdl, che attende da una settimana «l’elenco delle sponsorizzazioni, copia del budget finanziario, piano scientifico, elenco opere e conferma delle sponsorizzazioni» per la prossima grande mostra di Villa Olmo. «È sempre stato un argomento su cui il Consiglio è sensibile – ha aggiunto – vorrei anche capire come mai il budget sia diminuito di un 20 per cento, contro una previsione di una diminuzione dei visitatori del 50 per cento». Discutere della crisi che attanaglia i commercianti e gli artigiani nella Commissione competente è quanto chiesto da Laura Bordoli, Gruppo misto, mentre Alessandro Rapinese, capogruppo Adesso Como, ha chiesto quanto abbiano funzionato le iniziative attuate sinora per il rilancio dell’autosilo in Val Mulini, ha richiesto ancora perché l’ingegnere Viola non sia stato destituito dalla direzione del cantiere del lungolago, denunciato come una attività abusiva posta in viale Varese non sia stata chiusa dopo una sua precedente segnalazione e posto il problema della pulizia delle strade dopo incidenti «pare che chi svolga attualmente il servizio non abbia le autorizzazione per la pulizia e smaltimento degli oli».

No al ciclope

Come nella seduta precedente, su richiesta di Mario Molteni, Per Como, il sindaco, sospesa la seduta subito dopo l’appello, ha incontrato la trentina di cittadini rappresentanti di Comitato cittadini di Civiglio, Lista Per Como, Ecologisti e reti civiche di Como, Federazione dei verdi della Lombardia, Forum nazionale salviamo il paesaggio Como, Wwf Como, Wwf Lombardia, Legambiente Como, per impegnare l’Amministrazione a: «Dar seguito immediatamente agli impegni presi con la cittadinanza, lista per Como e i movimenti ambientalisti ovvero il ricorso al Consiglio di Stato con richiesta di sospensiva e nuovo annullamento in autotutela». «Gli stessi firmatari – avevano già annunciato in un comunicato congiunto – provvederanno ad inoltrare al presidente di Regione Lombardia richiesta di annullamento del permesso rilasciato dal Comune di Como, come indicato dall’Assessore Lorenzo Spallino nella seduta consigliare del 14/01/2013».

«Quello che abbiamo detto che avremmo fatto l’abbiamo – ha dichiarato il primo cittadino Mario Lucini – gli uffici stano provvedendo, continuiamo a mantenere il nostro impegno». Da portavoce per il gruppo accorso ha fatto Roberta Marzorati, ex consigliera comunale di Per Como, che interloquendo con l’assessore all’Urbanistica Lorenzo Spallino ha prospettato un procedimento legale differente, rinunciare a portare avanti il procedimento attuale e ripartire con un nuovo annullamento, scartato però dall’assessore. L’assicurazione dell’Amministrazione è quella di fare ricorso nei tempi stabiliti e ha rassicurato i cittadini sulla costruzione del traliccio anche dopo il dissequestro del cantiere perché l’operatore privato si troverebbe a costruire con la spada di Damocle di una sconfitta in tribunale e la successiva demolizione delle opere.

Commissione via del Doss

Ripresa la seduta si è tornati sulla votazione per la Commissione consultiva del Centro diurno disabili Como 1 e Como 2 di via del Doss. Con voto segreto sono stati nominati due rappresentati di maggioranza, Antonello Paulesu e Patrizia Lissi, e uno di minoranza Laura Bordoli.

Software per segnalazione disagi

Si è quindi passati alla discussione di una mozione, proposta da Ceruti, per l’introduzione di una nuova procedura di segnalazione dei disagi con un software gratuito on-line. Una proposta cha ha raggiunto un certo grado di consenso pur con qualche perplessità dato che nessun Comune di grandi dimensioni ha adottato un sistema simile. L’assessore alla Informatizzazione e alla digitalizzazione delle procedure Lorenzo Spallino ha presentato gli interventi su cui sta già lavorando Palazzo Cernezzi: l’utilizzo di app per smartphone per i diversi settori dell’Amministrazione. «Le svilupperemo noi in un ambiente adattabile a seconda delle necessità» ha chiarito. Per questo sono già in atto colloqui con l’operatore di telefonia che utilizza il Comune. Ma lo scoglio più grande all’introduzione del sistema proposto, sarebbe il costo dell’invio degli sms e la mancanza di competenze all’interno di Palazzo Cernezzi per gestire in maniera efficace il back office.

Rapinese ha quindi richiesto una sospensione per vedere di trovare un accordo su un emendamento congiunto, così com’è stato fatto per alcune delle ultime mozioni presentate e poi approvate. Però nonostante il confronto serrato fra i capigruppo, per una mezzora, non si è trovato un accordo e in aula sono stati presentati due documenti: uno dello stesso proponente per alcune modifiche, non di sostanza, e una di maggioranza che però non è stata accolta da Ceruti e quindi non discussa. Data l’ora la discussione è stata sospesa e aggiornata a lunedì 4 febbraio. [Michele Donegana – ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: