Rifondazione critica la Ztl

ztl«Sì al principio, no alle modalità – dichiarano Prc comasco e Sinistra per Como per cui si tratta di – Una “rivoluzione” apprezzabile nelle intenzioni, ma ancora deficitaria nelle modalità di costruzione»

«La limitazione della sosta in centro città era già prevista nel nostro programma per le comunali dell’anno scorso però il piano preposto dalla giunta comunale non convince sotto molti punti di vista» rilevano i rappresentanti di Rifondazione comunista e Sinistra per Como.

Per Prc e Pdci comaschi i problemi sono: «Mancata attesa dei nuovi parcheggi in Ticosa, scarsa incentivazione dei mezzi pubblici, aumento indiscriminato dei posti blu e lievitazione dei loro costi».

Un affondo viene lanciato anche all’assessora Daniela Gerosa sull’aumento del costo dei posti blu: «Il rimpallo di responsabilità tra l’assessore Gerosa e l’ufficio tecnico del Comune, soprattutto in merito alle nuove tariffe dei posti blu, non è un bel segnale per i cittadini. Il problema è  assistere ad uno scarica barile simile tra i due soggetti, oltre che sapere che l’assessore non fosse a conoscenza del  problema».

Di qui la richiesta di una frenata per «scegliere una strada più graduale, legata ad uso maggiormente efficace del trasporto pubblico e senza costi aggiuntivi per i cittadini, i lavoratori e le altre categorie più deboli, in modo da non rendere il centro off limits per gli stessi comaschi». E la proposta di una alternativa per «stipulare convenzioni, valutando ogni singolo caso, con le attività commerciali del centro, in modo che il parcheggio non pesi sullo stipendio dei lavoratori» e l’introduzione del «servizio a chiamata dei mezzi pubblici, promesso da anni e in grado di sopperire alle mancanze del pubblico». [md – ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: