Borsa di cooperazione a Wau

250px-South_Sudan_hd_(orthographic_projection).svg

Diritti umani, pace, intercultura per ragazzi tra i 23 e i 30 anni con una buona conoscenza di inglese o arabo

Il settore Relazioni internazionali del Comune di Como in collaborazione con la Caritas diocesana comasca: «Propone anche per quest’anno, una borsa di cooperazione destinata a giovani interessati ai temi dei diritti umani, della pace, dell’intercultura e della cooperazione internazionale. La borsa sarà destinata a un/a giovane di età compresa fra i 23 e i 30 anni, residenti nella città o nella provincia di Como, ed è finalizzata alla partecipazione ad uno stage formativo della durata di circa un mese, a Wau, in Sud Sudan, da svolgersi in un periodo che sarà concordato fra il vincitore della borsa di cooperazione e la Caritas Diocesana. Il/la giovane sarà inserito/a nelle attività ordinarie svolte nella Diocesi di Wau in ambito educativo/animativo e di supporto all’istruzione di bambini e giovani.  Le scuole attive nella Diocesi di Wau, gestite da varie congregazioni religiose, svolgono attività di carattere educativo rivolte ai bambini della comunità locale, con il principale obiettivo di introdurre e sostenere nella scolarizzazione i soggetti più disagiati. Accanto alla didattica frontale si svolgono attività di doposcuola e sostegno allo studio, dalle elementari all’Università. Tutte le attività del progetto verranno svolte in stretta collaborazione con il personale locale, con il coordinamento e la supervisione di un laico missionario collaboratore e referente della Caritas di Como».

«La borsa coprirà le seguenti spese: viaggio, assicurazione, visto di ingresso, vitto, alloggio. Ogni spesa extra sarà a carico del partecipante stesso – precisa la nota –. Al partecipante sarà richiesta la partecipazione a incontri di formazione pre-partenza presso la Caritas diocesana. Al termine del percorso formativo dovrà essere presentata all’Ufficio Relazioni Internazionali una dettagliata relazione dell’esperienza effettuata e un video amatoriale che documenti i momenti più significativi del viaggio. Il giovane inoltre dovrà rendersi disponibile a presentare la missione, nelle modalità e termini da concordare con l’Ufficio stesso, in manifestazioni organizzate dal Comune, nell’ambito della promozione delle relazioni internazionali».

I requisiti di ammissibilità sono: «Età compresa fra i 23 e i 30 anni; residenza nella città o nella provincia di Como; buona conoscenza della lingua inglese e/o araba; conoscenze informatiche di medio livello; diploma di scuola superiore; buona predisposizione ai rapporti interpersonali, soprattutto con i bambini; conoscenze, anche elementari, della cooperazione allo sviluppo, della scolarizzazione di base e delle tematiche relative ai paesi in via di sviluppo; buona predisposizione al lavoro di gruppo e capacità organizzative, buono spirito di adattamento».

Le domande, indirizzate all’Ufficio relazioni internazionali, devono arrivare al protocollo del Comune entro venerdì 22 novembre alle 12, o essere spedite con raccomandata e ricevuta di ritorno entro la stessa data. Per informazioni tel. 031.252057, e-mail relazioniinternazionali@comune.como.it. [md – ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: