Calpestati accordi e diritti

SismeDopo altre 13 ore di trattativa venerdì 10 gennaio la Sisme si è mostrata indisponibile a qualsiasi accordo, decisa a licenziare contro tutti, insensibile alle ragioni dei lavoratori, determinata a non accogliere alcuna proposta di mediazione e capace solo di imporre il disastro occupazionale che sembra essere l’unico obbiettivo dell’azienda. Rabbia, sconcerto e riprovazione di tutte le rappresentanze sindacali che continuano la lotta e minacciano azioni legali. Leggi la dichiarazione di Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil, Slai Cobas.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: