Regolamento rifiuti

3 COMO COMUNEPalazzo Cernezzi inizia la discussione sul nuovo Regolamento rifiuti che norma la raccolta differenziata. Le minoranze si congratulano con Magatti per la disponibilità e le risposte alle richieste di chiarimento.

 

Preliminari

Si è lamentato degli uffici, nelle preliminari al Consiglio comunale di lunedì 16 giugno Marco Butti, Gruppo misto, per aver dovuto aspettare due mesi le carte richieste sulle paratie e per aver ricevuto «documentazione ben al di sotto di quanto riportato da un quotidiano locale domenica scorsa». È tornata invece sulla causa persa dall’Amministrazione con un ex membro del collegio dei sindaci della Comodepur Laura Bordoli, Ncd, «nelle motivazioni della sentenza si dice che non c’era giusta causa per il licenziamento. Questo ci è costato già 25mila euro, spero non si voglia andare avanti».

 

Regolamento rifiuti

Iniziata la seduta l’Assemblea ha affrontato la delibera sul Regolamento rifiuti per la nuova raccolta differenziata cittadina presentata dall’assessore competente Bruno Magatti in sostituzione di quello del ’99 «piuttosto obsoleto, che fa riferimento a una normativa abbondantemente superata», fra il pubblico anche un rappresentante della Rsu dei dipendenti della azienda coinvolta. L’assessore ha fatto un breve riepilogo del provvedimento con gli orari dei ritiri, la pulizia delle strade, il conferimento alla piattaforma dei materiali, il ritiro a domicilio degli ingombranti, «abbiamo concordato con l’azienda dieci ritiri a settimana, speriamo i cittadini non ne abusino».

Molte le domande poste dai consiglieri sia di opposizione, che di maggioranza, e molto lunga, durata più di un’ora, e articolata la risposta di Magatti.

La pulizia dei bidoni toccherà ai cittadini, ha precisato, e la pulizia delle strade con le nuove modalità, aumentano i passaggi dei mezzi, entrerà in vigore entro un anno, ha risposto a Anna Veronelli, Fi. Alla domanda, posta nelle preliminari da Feancesco Scopelliti, Ncd, sul perché delle nuove assunzioni, 14 elementi, anche al di fuori della provincia di Como, «pare anche una persona di Genova», l’assessore ha risposto che come responsabile anche dei Servizi sociali cittadini aveva presentato una rosa di nomi all’azienda che però poi ha scelto in piena autonomia. Sull’esposizione dei rifiuti ha ribadito le tempistiche già in uso, ammettendo la possibilità di alcuni aggiustamenti e Magatti dichiara già per il futuro: «Non ho imbarazzo ad ammettere eventuali errori». E si sta prendendo il metro sul conferimento dei rifiuti a bordo delle proprietà, mentre per i condomini l’assessore spera in consorzi fra gli stessi per l’esposizione dei bidoni, un sistema penalizzante i cittadini per Mario Molteni, Per Como. Le campane del vetro verranno tolte quando tutti avranno i bidoni per la raccolta. E la consegna dei bidoni è un punto dolente, dati i ritardi da parte di Aprica, per ora non ci saranno sanzioni nei suoi confronti, come chiesto da Butti, ma Magatti vuole che questa operazione sia completata entro la fine del mese. A chi chiede dove sarà il risparmio di tutta questa operazione l’assessore spiega che diminuendo quanto portato all’inceneritore, diminuirà la fattura dello stesso, che ora ammonta a 2,3 milioni di euro annui, per l’eliminazione dei rifiuti.

«Le sanzioni di comportamenti irregolari sono uno strumento da usare con intelligenza» ha poi dichiarato ricordando che siamo di fronte a «un passaggio culturale del nostro rapporto con i rifiuti».

Finita la replica, durante gli interventi, Scopelliti si è complimentato con l’assessore per la disponibilità e il merito delle risposte stesse andando a stringergli la mano, pur avendo delle perplessità sulle modalità di raccolta per le fasce deboli, anche Butti si è complimentato, auspicando poi un incremento dell’organico del settore preposto al controllo, ora svolto da due agenti di polizia locale, data la vastità del territorio. Mentre Luca Ceruti, M5s, ha annunciato l’astensione sul provvedimento, ricordando le critiche fatte al bando di gara, Giampiero Ajani, Lega, ha chiesto «quanto costa in più al cittadino questa operazione?». Data l’ora la seduta è stata poi aggiornata. [Michele Donegana, ecoinformazioni]

1 thought on “Regolamento rifiuti

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: