Mese: Luglio 2015

Associazioni/ Un’altra Variante della Tremezzina è possibile

variante-tremezzinaUn  nutrito gruppo di associazioni ambientaliste (parte di quelle che avevano già espresso un durissimo giudizio sull’opera)  si dichiarano pronte a dire sì alla variante della Tremezzina se se essa sarà rispettosa del territorio e della sua storia. La fretta, il mancato confronto,  fanno temere a Italia nostra, Legambiente Lombardia, La cruna del lago Territori natura arte cultura, Comitato viabilità Tremezzina e Chiave di Volta che possa ripetersi la disastrosa storia delle paratie. Leggi il comunicato.  (altro…)

3 luglio/ Per la Grecia una delegazione dal prefetto

greciaMobilitazione straordinaria e permanente a fianco della Grecia.  No all’austerità. Sì alla democrazia! Con questi slogan anche a Como si svolgerà venerdì 3 luglio la Giornata di mobilitazione nazionale per rispondere insieme all’appello europeo che chiama tutti e tutte a impegnarsi d’urgenza a fianco del popolo greco e per cambiare l’Europa. L’altra Europa con Tsipras, Sel, Prc e l’Arci invitano cittadine e cittadini al presidio che si terrà a Como in piazza San Fedele (non alla Prefettura come inizialmente comunicato dagli organizzatori) alle 18,30. Una delegazione sarà ricevuta dal prefetto di Como.

Il Monumento ai Caduti di Erba: restauro e approfondimento

ErbaMonumento-01

Il centenario della prima guerra mondiale sta dando anche nel territorio comasco i primi frutti concreti: un rinnovato interesse per quelle tragiche vicende conduce a volte alla valorizzazione di elementi memoriali di grande pregio.

È il caso di Erba, dove il Monumento ai Caduti, realizzato secondo il progetto di Giuseppe Terragni e inaugurato nel corso del 1932 (a quasi quattordici anni dalla fine del conflitto!), è stato oggetto di un attento lavoro di restauro, curato dall’architetto Marco Ortalli, per preservarlo dal degrado e garantirne la conservazione, restauro inaugurato nella serata di ieri, 2 luglio.

Caratterizzato da un radicale inserimento nel paesaggio, il Monumento di Erba sorge sulla collina nei pressi della villa Mainoni e della chiesa prepositurale, ed è introdotto da una lunga e scenografica scalinata. In cima, un ambiente aperto da un porticato accoglie il sacrario, a sua volta sormontato da uno spazio erboso cinto da un’esedra in pietra viva.

Interessante per la sintesi profondo tra elementi tradizionali e proposte d’avanguardia, il Monumento rischiava il deperimento per la scarsa manutenzione (non solo degli elementi in muratura, ma anche di quelli naturali, come la doppia fila di cipressi a fianco della scalinata), oggi scongiurato dal comune sforzo di enti pubblici, club di servizio e soggetti privati.

Un risultato che è stato sottolineato con molta soddisfazione e anche un po’ di enfasi dai molti discorsi inaugurali. Certo un po’ più di considerazione per le vicende storiche non sarebbe stata fuori luogo: il sacrificio dei caduti nella prima guerra mondiale è stato ripetutamente collegato alla “riconquista della libertà” (forse confondendosi con l’esito della lotta di Liberazione al termine dell’altra guerra mondiale, la seconda…) e poche parole sono state dedicate all’immane tragedia di quel conflitto, dove inutilmente perirono in Europa milioni di vite (anche il pontefice Benedetto XV, regnante in quegli anni, la definì “inutile strage”), una tragedia che si riflettè su ogni regione italiana (in provincia di Como i morti furono circa  9000) e di cui i Monumenti ai Caduti sono un’importante traccia di ricordo.

Maggiore sforzo di approfondimento è stato dedicato al Monumento di Erba in una mostra, inaugurata subito dopo la cerimonia al Monumento, allestita nella vicina Villa Candiani.

Curati da Alberto Novati e Aurelio Pezzola, i pannelli propongono un’interpretazione simbolica del manufatto che, superando la retorica patriottarda, lo ricollega agli archetipi più profondi della cultura umana. Con le belle fotografie di Giovanni Colosio e l’efficace impaginazione di Giovanna Saladanna, l’esposizione si propone di rafforzare la consapevolezza dell’importanza culturale della collina erbese dove sorge, oltre a Monumento, anche il Teatro Licinium.

La mostra, accompagnata anche da un catalogo con numerosi saggi, è visitabile fino al prossimo 4 novembre (orari: martedì e giovedì dalla 16 alle 18.30, sabato dalle 15 alle 18.30). [Fabio Cani, ecoinformazioni]

Un momento dell’inaugurazione

ErbaMonumento-02

Una sala della mostra col plastico del Monumento ai Caduti

Erba-Mostra-01

Zelbio Cult 2015 (VIII edizione)

zelbio cult 2015Incontri d’autore, su quell’altro ramo del Lago di Como dal 18 luglio al 30 agosto, curati da Armando Besio, organizzato dalla Pro Loco e dalla Biblioteca comunale.

 

«Il Festival si apre sabato 18 luglio con Stefano Boeri, protagonista dell’incontro Nel cielo sopra Milano. Il mestiere dell’architetto raccontato dal progettista del Bosco Verticale, “il grattacielo più bello e innovativo del mondo” – spiega un comunicato –. Ordinario di Urbanistica al Politecnico di Milano e visiting professor in numerose università del mondo (da Harward a Mosca), Boeri ha diretto le riviste Domus e Abitare e ha fondato Multiplicity, un network internazionale dedicato allo studio delle trasformazioni urbane  contemporanee. Tra i più importanti progetti realizzati dal suo studio, la sede di RCS Media Group a Milano-Crescenzago, la Villa Mediterranée nel nuovo water front di Marsiglia, la riconversione dell’ex Arsenale militare dell’isola della Maddalena, il recupero della Vecchia Borsa di Shangai.  Il suo “Bosco Verticale” ha ricevuto nell’ottobre dello scorso anno l’International Highrise Award, un prestigioso riconoscimento che premia la bellezza, l’innovazione e la sostenibilità di torri e grattacieli costruiti in tutto il mondo. I finalisti al premio erano 400».

«Dall’architettura all’arte: dopo Flavio Caroli, Vittorio Sgarbi e Philippe Daverio, ospiti delle scorse edizioni di Zelbio Cult, sabato 25 luglio sarà con noi Pietro C. Marani, uno dei più importanti studiosi di Leonardo – prosegue lo scritto –. L’occasione è la grande mostra Leonardo da Vinci 1452- 1519 al Palazzo Reale di Milano, curata da Marani (anche direttore del restauro del Cenacolo) con Maria Teresa Fiorio. Lo storico dell’arte terrà una conferenza con immagini dedicata ai segreti e ai molteplici talenti del genio Da Vinci, disegnatore, pittore, scultore, architetto e ingegnere (civile e militare) che visse la sua stagione più feconda nell’ultimo ventennio del Quattrocento nella Milano di Ludovico il Moro».

«Ferruccio de Bortoli, uno dei più famosi e autorevoli giornalisti italiani, venerdì 31 luglio ci parla della sua esperienza nell’incontro intitolato Il Corriere in una sera. Il mondo dei giornali raccontato da un grande direttore. De Bortoli ha diretto il Sole 24 ore e per due volte il Corriere della Sera, oggi è presidente della casa editrice Longanesi – ricorda il comunicato –. Sabato 8 agosto sarà la volta di una delle voci più nuove e originali della letteratura giallo noir italiana, Alessandro Robecchi, rivelazione nel 2014 con Questa non è una canzone d’amore (pubblicato da Sellerio, lo stesso editore di Camilleri e Malvaldi), in classifica tra i libri più venduti per numerose settimane, uno dei casi editoriali dell’anno. Un successo replicato dal nuovo romanzo Dove sei stanotte, di cui ci parlerà nell’incontro Amore, thriller e ironia in un giallo milanese, tra l’Expo e la periferia multietnica. Robecchi è stato editorialista del quotidiano il Manifesto e caporedattore del settimanale satirico Cuore ed è uno degli autori televisivi di Maurizio Crozza. Sabato 15 agosto ancora una serata in giallo, ma al femminile, e con un’ospite davvero speciale. Elda Lanza, splendida novantenne, è stata la prima presentatrice della Rai degli anni Cinquanta, ha lavorato a vari programmi sperimentali in quegli anni, diventando esperta di costume e galateo. Ha pubblicato il manuale Signori si diventa per Mondadori. Nel 2012 ha esordito come giallista con Niente lacrime per la signorina Olga (edizioni Salani), prima tiratura esaurita in tre settimane, molte lodi da parte di autorevoli critici, tra cui Umberto Eco. Nel 2013 il Presidente Napolitano la nomina Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica italiana. Docente di storia del costume, viene a parlarci di sé e del suo ultimo romanzo, appena uscito da Salani, nell’incontro: La cliente sconosciuta. Una nuova inchiesta della “Camilleri in gonnella”. Sabato 22 agosto sul palcoscenico di Zelbio, che ha visto esibirsi le grandi attrici milanesi Arianna Scommegna e Elena Russo Arman, ritorna il teatro con lo spettacolo Gioànn Brera, l’inventore del centravanti di e con Sabina Negri e con Bebo Storti, accompagnamento musicale alla chitarra di Simone Spreafico. Al centro della pièce Gianni Brera (1919-1992), il più grande giornalista sportivo (e non solo) italiano, inventore di un nuovo linguaggio capace di raccontare con originalità e competenza l’epica popolare del calcio, del ciclismo, dell’atletica. Lo spettacolo, fra parole e musica (le canzoni di Enzo Jannacci riproposte da Bebo Storti) rievoca la sua figura umana e professionale sullo sfondo della storia italiana del Novecento».

«Chiusura musicale – termina la nota –, sulle note di due violini, domenica 30 agosto con l’Ensemble Baroccolario, composto dai violinisti Chiara Zanisi e Stefano Barneschi che propone un repertorio poco frequentato ma di grande suggestione – quello appunto per due violini – con musiche di Genimiani, Vivaldi, Telemann, Pugnani, Bartok, Stamitz, Graaf».

Per informazioni Internet www.zelbiocult.it. [md, ecoinformazioni]

La lenta marcia dei diritti/ Disabile cacciato dal bus: Il Comune di Como convoca Asf

DISABILI-3«Asf, la società che per conto del Comune gestisce il trasporto pubblico locale è stata convocata venerdì a Palazzo Cernezzi – annuncia un comunicato di Palazzo Cernezzi –. A chiedere l’incontro sono stati l’assessore alla Mobilità Daniela Gerosa e l’assessore alle Politiche Sociali Bruno Magatti a seguito della denuncia di un disabile di essere stato cacciato da un bus della linea 7». Un accadimento che sostanzia le preoccupazioni espresse da Ida Sala di Paco-Sel. «Si tratta di un fatto grave e sono doverose delle spiegazioni» dichiarano gli assessori.

Como Lakexperience

como lakexperienceProfilo su Twitter e una mappa turistica in inglese.

 

Palazzo Cernezzi annuncia una: «Doppia novità legata al brand Como Lakexperience e a www.visitcomo.eu il sito che presenta l’offerta artistico-culturale e turistica della città». Da mercoledì 1 luglio «ha iniziato a “cinguettare” il profilo @visitcomo aperto sul canale social Twitter. La comunicazione conterrà contenuti culturali e turistici in italiano e in inglese e rinvierà alle sezioni del sito Discover Como/Scoprire Como ed Enjoy Como/Vivere Como». Iboltre negli info point del Comune: «È cominciata la distribuzione della versione inglese della nuova mappa turistica che contiene le principali informazioni sui principali monumenti cittadini e itinerari». [md, ecoinformazioni]

Battello spazzino

comoPalzzo Cernezzi aspetta una risposta da Villa Saporiti.

 

Mercoledì 1 luglio la Giunta Lucini ha approvato un indirizzo sul servizio di pulizia del battello spazzino. Dice sì al proseguimento del servizio: «Ma solo a pari condizioni. Se Villa Saporiti dovesse confermare l’indisponibilità di risorse, per il pagamento del carburante e per il pagamento dello smaltimento dei detriti e di conseguenza tali costi ricadessero su Como, Palazzo Cernezzi non accetterà il rinnovo della convenzione».

«A tali condizioni non possiamo accettare – afferma l’assessore all’Ambiente Bruno Magatti –. Como non può sobbarcarsi il pagamento di costi altrui. Siamo disposti e interessati a proseguire il servizio solo se ci confermano le condizioni in vigore fino ad oggi. Aspettiamo una risposta dalla Provincia e stante i loro obblighi istituzionali ci aspettiamo che metteranno a disposizione le risorse». [md, ecoinformazioni]

Piazza Martinelli/ Il sabato pomeriggio torna il kinderheim

bambiniIl sabato pomeriggio in piazza Martinelli a Como torna il kinderheim. L’iniziativa, gratuita, è stata realizzata dall’assessorato alle Attività Economiche, rappresentato da Paolo Frisoni, in collaborazione con il Distretto Urbano del Commercio Shopincomo e con il supporto di Regione Lombardia nell’ambito del programma di intervento Como nel cuore d’Europa (con l’Europa nel cuore). Otto gli eventi programmati e che si svolgeranno il pomeriggio dalle 15 alle 17, nei sabati tra il 4 luglio e il 26 settembre: l’invito è aperto a tutti i bambini tra i 4 e i 9 anni che potranno registrarsi direttamente in piazza Martinelli accompagnati dai propri genitori. In caso di maltempo, il kinderheim si sposterà al coperto nella vicina sede del Centro Civico di via Collegio dei Dottori. Non solo giochi ma anche attività educative quelle che saranno proposte dall’associazione culturale Erewhon di Monza, che si è aggiudicata l’appalto. Le attività sono state pensate per attrarre e appassionare bambini sia italiani che stranieri. I partecipanti saranno coperti da apposita assicurazione stipulata dalla stessa associazione.

Asfaltature: al via i lavori di Acsm-Agam

Dlavoriincorso1a lunedì 6 luglio prenderanno il via una serie di lavori di fresatura e asfaltatura per conto di Acsm-Agam, nelle strade in cui, nei mesi scorsi, la società è intervenuta eseguendo scavi. Queste le vie dove si interverrà: via Dante (tratto da via Petrarca a via don Minzoni) da lunedì 6 luglio dalle ore 20 alle ore 6; via Venini e piazzale San Gottardo da martedì 7 luglio dalle ore 20 alle ore 6. In entrambi i casi, sarà istituito il divieto di sosta ma la viabilità sarà sempre garantita e sarà gestita da movieri; via San Giovanni da Meda (tratto da via Isonzo a Villa Giovio) da giovedì 9 luglio dalle ore 8 alle ore 19; via Bregno (corsia a scendere da via Isonzo a via D’Annunzio) da venerdì 10 luglio dalle ore 8 alle ore 19; via Mantegna, Prestino, Monaco e Tiziano da lunedì 13 luglio dalle ore 8 alle ore 19; via Merzario (da via Canturina a via Druso) e via Druso (da via Merzario a via Tagliamento) da mercoledì 15 luglio dalle ore 8 alle ore 19. Per quanto riguarda i lavori che saranno eseguiti dal Comune, è in corso la fase di valutazione amministrativa delle imprese (85) che hanno partecipato alla gara indetta a maggio. L’investimento complessivo ammonta a novecentomila euro ed è stato suddiviso in tre lotti: il primo lotto prevede la riasfaltatura di via Scalabrini nel tratto da piazza Camerlata a via Repubblica Romana per un importo di trecentoventiduemila euro, il secondo lotto via Milano alta (il tratto tra San Bartolomeo e San Rocco) e viale Lecco (tutta la via tranne la parte occupata dai parcheggi) per un importo di trecentottantaseimila euro, il terzo lotto via Campari (tutta), via Pio XI (da via Bellinzona a via San Giacomo) e la Borgovico nuova per un importo di duecentocinquantatremila euro.

Muggiò: la piscina resta aperta fino a giugno 2016

muggiòSu proposta dell’assessore allo sport Luigi Cavadini, la giunta di Como ha deliberato di prorogare la gestione della piscina di Muggiò alla Federazione italiana Nuoto fino a giugno 2016. Il contributo del Comune per le utenze sarà sempre di duecentosessantamila euro annui. Per quanto riguarda gli interventi richiesti dalla Commissione provinciale di vigilanza, il progetto è già stato depositato la scorsa settimana ai Vigili del Fuoco. I lavori saranno eseguiti da Palazzo Cernezzi per la parte di competenza dell’amministrazione comunale e dalla Fin per la parte di competenza del gestore.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: