Mese: Ottobre 2016

Posti liberi, Campo chiuso per orario. Tanto c’è don Giusto

esclusicampogovernativoPerché i cancelli del Campo governativo di via Regina Teodolinda chiudono quando ancora i respingimenti alla frontiera elvetica determinano arrivi di frotte di migranti? Quale logica anima l’idea di ammettere solo le donne e i bambini anche quando il campo non è pieno?

Quanto costa allo città e allo stato  tenere perennemente in attività tante forze dell’ordine per garantire l’applicazione di regolamenti assurdi e evitare che la rabbia sfoci in rivolta? Quanto tempo potrà ancora durare il periodo nel quale sarà in vigore il divieto di accamparsi in città e contemporaneamente quello di trovarvi rifugio dignitoso almeno notturno? Quanto potrà ancora reggere la parrocchia di don Giusto che ogni notte apre le porte ai rifiutati dal Campo governativo? Quanto reggeranno le “ronde” degli attivisti che monitorano la soluzione e propongono soluzioni temporanee e umanitarie che hanno però il difetto di nascondere l’evidenza di regolamenti che pur rimasti segreti si rivelano manifestamente senza né criterio, né logica? Sono domande a cui non sappiamo rispondere. Intanto anche la notte del 26 ottobre ha offerto il consueto quadro, un po’ più grave, ma nessuno si permetta di definirlo straordinario visto che è così tutte le notti. Stanotte  è toccato a una numerosa famiglia palestinese con tanti bambini implorare di essere ammessa alla struttura di accoglienza selettiva non h24 di via Teodolinda. Alla fine il cancello si è aperto, ma non per tutta la famiglia, due congiunti sono stati lasciati fuori insieme al consueto gruppetto di una ventina di fuori tempo massimo. Dormirebbero in strada, sotto la pioggia,  se la provvidenza della parrocchia di Rebbio non li avesse ancora una vola accolti.

L’ex prefetto Tortora dalla parte della civiltà contro i razzisti di Gorino

tortoraaxanaduI cittadini di Como hanno conosciuto bene Michele Tortora che è stato prefetto di Como. Tanti e delle più svariate appartenenze politiche hanno apprezzato il suo equilibrio e la rettitudine del suo operato. Per questo non ci si stupisce a Como nel vedere Tortora schierato a Ferrara dalla parte della civiltà nella mostruosa cronaca di ordinario razzismo violento a Gorino. Il prefetto Tortora aveva spiegato che la requisizione dell’ostello aveva «carattere eccezionale straordinario» e aveva rivolto un appello «ad amministrazioni pubbliche, associazioni di volontariato e strutture ecclesiastiche affinché offrano ogni collaborazione», anche per «ulteriori esigenze», verosimili «anche a breve». (altro…)

Dal 24 ottobre il Consiglio comunale all’uanimità reclama trasparenza e diritti umani nel Campo governativo

COMO COMUNEIl Consiglio comunale di Como ha approvato nella seduta del 24 ottobre la mozione sul Campo di via Regina Teodolinda redatta da Celeste Grossi e Luigi Nessi  (Paco-Sel) e sottoscritta da esponenti sia della maggioranza che dell’opposizione: Andrea Luppi (capogruppo Pd), Marco Tettamanti (capogruppo Como civica), Roberta Marzorati (Per Como), Eva Cariboni (Amo la mia città). Il documento che ha raccolto sia i voti della maggioranza che quelli dell’opposizione (non hanno partecipato al voto Rapinese, Ajani, Peverelli, Cenetiempo e Scopelliti) è stata ulteriormente perfezionata da un emendamento di Anna Veronelli per dare maggiore evidenza al tema dei minori non accompagnati presenti nel campo. (altro…)

Ambiente/ Segnali di cambio di direzione

direzione-580x333Spesso cambiare passo può significare accelerare nella direzione sbagliata o rallentare in quella giusta. Al contrario cambiare direzione se non è sempre rivoluzionariamente risolutivo è certamente un’azione innovativa. Per questo la scelta fatta dall’amministrazione Lucini, e dall’assessore all’ambiente Magatti in particolare, di invertire la direzione del centrodestra che non aveva saputo offrire alla città una reale raccolta differenziata nell’interesse di tutti è stata una positiva rivoluzione nonostante l’oggettivo ritardo con il quale la città ha intrapreso tale virtuosa strada mentre l’innovazione andava sempre più concentrandosi verso la non produzione e non più verso il riciclaggio dei rifiuti. (altro…)

“Alimentare lo sviluppo”. Enaip Como presenta quattro itinerari di turismo responsabile

4-novembre-senegal

Venerdì 4 novembre, alle ore 18, il Csf Enaip Lombardia di Como (via Dante 127) aprirà le porte per presentare quattro itinerari di turismo responsabile in Senegal, ideati dalla classe terza, indirizzo “operatore servizi di promozione e accoglienza”. Vincitore del bando “Nutrire il pianeta” finanziato da Fondazione Cariplo, Comune di Milano, Regione Lombardia e dall’8 per mille della Chiesa valdese.

Suonerà il gruppo musicale African Griot con Balla Nar Ndiaye Rose e interverrà l’artista Moussa Traore. A conclusione della presentazione, gli operatori della cucina e della sala bar dell’Enaip offriranno un aperitivo ai partecipanti.

Per partecipare all’evento, è importante mandare una e-mail di conferma entro giovedì 27 ottobre a alimentarelosviluppo.enaipcomo@gmail.com . Chi volesse avere ulteriori informazioni può scrivere allo stesso indirizzo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: