Buona notizia/ Meglio non darla

Ci sono buone notizie e ci sono cattive notizie. Noi di econformazioni abbiamo scelto la via del giornalismo partecipato e vogliamo informare i nostri lettori e le nostre lettrici che oggi a Como c’è una piccola buona notizia, frutto della sensibilità umana e dell’intraprendenza di volontarie e volontari che sanno agire al di là delle burocrazie e della cattiva politica, sempre pronte a escludere ogni soluzione concreta a problemi vitali invocando una “legalità” fittizia, di comodo, tanto ingiusta da diventare potenzialmente assassina.

Ma può capitare che una buona notizia, letta da persone potenti, ma senza alcun rispetto per i Diritti umani, si trasformi in un boomerang capace di colpire chi più ha bisogno. Scusateci dunque se per una volta  dovrete aspettare domattina per leggere altrove la notizia nella sua completezza (la nostra foto è solo un piccolo particolare). Noi non ci teniamo ad arrivare primi. Per noi è invece essenziale partecipare alla positiva novità, farla crescere senza disturbarla con i nostri flash,  essere dalla parte dei Diritti umani senza se e senza ma. Perché il freddo non legge i giornali e nemmeno i blog. [Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: