Mese: Novembre 2017

Follie Youtube: oscurato il video di ecoinformazioni della provocazione fascista/ Per vederlo un nuovo link

Per una follia di youtube che ci ha bloccato il video, in attesa del ripristino, ecco il nuovo link dove vederlo. può essere, come già fatto da tante televisioni locali e nazionali utilizzato liberamente citando la fonte che è ecoinformazioni.

https://photos.app.goo.gl/lir3hcgKbzT7rAIz2

2 dicembre/ La risposta dell’Arci all’incursione fascista contro Como senza frontiere/ Raccontarci alle 15,30 allo Spazio Gloria

C’è la necessità e l’urgenza di contrastare con modalità non militari la violenza fascista che si sviluppa con sempre maggiore virulenza anche nel territorio lariano. La provocazione, paramilitare nei modi, condotta il 28 novembre da una quindicina di persone del fronte skinheads vicentino in trasferta a Como contro Como senza frontiere, dovrà avere risposte adeguate anche al di là delle necessarie attestazioni di solidarietà di associazioni e partiti. (altro…)

30 novembre/ Care lettrici, cari lettori abbiamo bisogno del vostro sostegno

Cari lettori e care lettrici, dal 28 notte abbiamo dovuto impegnarci notte e giorno per raccontare la provocazione fascista contro Como senza frontiere. Lo abbiamo fatto utilizzando tutte le nostre risorse comunicative grazie alla professionalità infaticabile di tutta la nostra redazione. Abbiamo   fornito a tutte le reti televisive nazionali e locali il nostro video del misfatto con il quale hanno aperto molti telegiornali italiani. (altro…)

Quarto colpo: vittime, prostituzione e cultura antimafia

 

Si è tenuto dalle 21.15 di mercoledì 29 novembre nella sala polifunzionale di Arosio, in via Casati 1, il quarto e penultimo incontro della rassegna 5 colpi alla ‘Ndrangheta, organizzato dal Circolo ambiente “Ilaria Alpi”. Per la quarta serata il tema era doppio: da un lato il ruolo delle vittime della criminalità organizzata, dall’altro il racket della prostituzione; a parlarne Benedetto Madonia, presidente del Centro studi contro le mafie san Francesco, e Tiziana Bianchini di Lotta contro l’emarginazione. A moderare, Elisa Roncoroni di Lotta contro l’emarginazione. (altro…)

30 novembre/ Cactus/ Sei blog!

ecoinformazioni apre sei blog e estende ulteriormente la gamma della sua proposta di giornalismo partecipato. Le novità si realizzano grazie alla collaborazione di Luca Michelini, Emilio Russo, Celeste Grossi, Massimo Patrignani, Abramo Francescato e Marisa Bacchin. Si allarga così l’angolo di campo illuminato dal circolo Arci che da quasi venti anni è “l’informazione con le spine”. Alla presentazione che si svolgerà giovedì 30 novembre dalle 17,30 nel Centro civico di via Collegio dei Dottori 9 a Como si parlerà di: “Articolo 3”, “Ciclostilato in proprio”, “Effetti collaterali” ,”Periferie”, “Como senza frontiere” e di “Connessioni contro corrente”. (altro…)

Sinistra italiana/ Continuare con convinzione

«Martedì 28 novembre durante la riunione della rete Como senza frontiere, una decina di fascisti ha interrotto l’incontro leggendo un comunicato dai contenuti e dal tono razzisti. È un salto di qualità nella strategia delle destre che adesso, anche a Como, tentano di intimidire i volontari delle reti di solidarietà. Prima sono stati sdoganati da Berlusconi negli anni novanta, poi il revisionismo storico ha messo sullo stesso piano le scelte opposte durante la Resistenza, negli ultimi anni il fascismo è stata considerata una opinione come le altre, e in tal senso vi sono grandi esempi nella nostra provincia.

Abbiamo bisogno non solo di denunciare e di indignarci, ma di istituzioni salde nei valori e nei principi costituzionali, di un mondo politico compatto nel promuovere e praticare la solidarietà, di una nuova coscienza democratica che rimuova dalla storia le ideologie della paura. Come Sinistra Italiana ci aspettiamo che le istituzioni locali, il mondo dei partiti, del sindacato e del terzo settore dimostrino con chiarezza la propria vicinanza alla rete Como senza frontiere, che certamente continuerà la propria attività con più convinzione». [Marco Lorenzini,  Sinistra italiana]

I bambini di Ornella/ Vergognosa provocatoria azione teppistica

«I Bambini di Ornella, associazione comasca che svolge attività di volontariato solidale in Senegal a favore dei bambini di strada, esprime pieno sostegno e solidarietà alla rete Como senza frontiere, cui aderisce fin dalla sua costituzione, per la vergognosa e provocatoria azione teppistica con cui un gruppo di fascisti ha ieri sera interrotto una riunione degli attivisti della rete.

La violenza intimidatoria dell’irruzione e il tono insultante e razzista del comunicato letto dagli squadristi va condannata senza giustificazione alcuna da tutti i cittadini democratici ma soprattutto da quanti, Prefetto e Sindaco il testa, rappresentano e dovrebbero garantire la convivenza pacifica e democratica dei cittadini comaschi e la libera attività di quanti, sia laici che credenti, operano sul nostro territorio a sostegno dei più deboli, italiani o migranti che siano.

Questo vergognoso episodio è solo l’ultimo, in ordine di tempo, di una serie di azioni compiute da rinascenti organizzazioni fasciste, incoraggiate nel loro agire da una crescente “cultura dell’intolleranza” contro gli immigrati.

Un ennesimo atto di provocazione che sfida non solo il tessuto democratico del Paese e le Associazioni della società civile che si adoperano per tenere vivo il valore della democrazia e della convivenza, ma anche e soprattutto le Istituzioni repubblicane, che non sempre però sembrano capaci di coglierne la gravità e rispondere con necessario rigore.

Rigore senza il quale c’è il rischio che, agli occhi della parte di opinione pubblica più conservatrice o esasperata “ad arte” nelle sue paure e insicurezze , i comportamenti di rifiuto e chiusura verso gli stranieri appaiano l’unica risposta efficace per “risolvere” un epocale ed irreversibile quale quello rappresentato dai flussi migratori di chi fugge da guerre, terrorismo, dittature o morte per fame.

Intolleranza, razzismo e ignoranza indegne di un Paese che si vuole civile, cui una comunità che vuole restare civile deve saper rispondere compatta e senza tentennamenti con la cultura, il dialogo interraziale, la solidarietà e la vigilanza democratica». [I bambini di Ornella]

Associazione Alfonso Lissi/ Solidarietà a Como senza frontiere

Nella tarda serata di ieri, abbiamo appreso quanto successo durante la riunione plenaria di Como Senza Frontiere. Siamo sconcertati dall’ennesimo episodio di violenza che ha come protagonista la destra fascista e xenofoba della città. Come è logico non possiamo fare altro che condannare e stigmatizzare quanto avvenuto, richiamando le altre associazioni, i sindacati, i partiti e tutte le organizzazioni di vario genere che si riconoscono nei valori antifascisti ed antirazzisti, ad una mobilitazione quanto mai necessaria. Ci auguriamo che, chi di dovere, faccia luce su quanto accaduto e che si attivi alla tutela degli spazi democratici della nostra città». [Andrea Cazzato. Associazione Alfonso Lissi]

Pci/ Atti di squadrismo contro Como senza frontiere

Ieri sera è rimbalzata su internet la becera pagliacciata dei bulletti del Veneto Fronte Skinhead, che hanno interrotto e letto un delirante comunicato durante la riunione plenaria di Como Senza Frontiere. Esprimiamo solidarietà agli amici di Como Senza Frontiere, ma non possiamo tollerare l’ulteriore offesa fascista all’esercizio democratico nella città di Como. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: