Sportelli d’ascolto e mediazione culturale/ La critica del Partito democratico di Como

Fanetti e Lissi: «L’ennesima prova di sciatteria, ma anche cattiva volontà del centrodestra», lo dichiara Stefano Fanetti, capogruppo del Pd in consiglio comunale, dopo l’ennesima novità della Giunta di centrodestra, ovvero il mancato bando per i due servizi scolastici.

«Ormai lavorano così, senza coinvolgere nessuno, né famiglie, né scuole, come sta accadendo per la questione delle mense», attacca anche Patrizia Lissi, che va oltre, ipotizzando una volontà nella mancata attivazione dello sportello d’ascolto e della mediazione culturale: «Non vorrei che per far vedere che non spendono soldi per gli stranieri, avessero rinunciato anche a un servizio fondamentale come il supporto psicologico. Ma faccio presente all’amministrazione di centrodestra che io stessa ho saputo dai professionisti quante richieste sono venute proprio dai ragazzi che hanno bisogno di essere ascoltati. E tutti italiani! Forse, gli amministratori comaschi non sanno che i giovani, oggi, hanno problemi non semplici da affrontare. E in ogni caso, quando si parla di inclusione, non dobbiamo pensare solo agli stranieri, che comunque è fondamentale inserire perché la società funzioni bene, ma anche a tutti quelli che hanno fragilità e sofferenze. Basti pensare al bullismo. Invece, i ragazzi italiani vengono completamente abbandonati dalla Giunta Landriscina: altro che ‘prima i nostri’. In questa città non sanno far funzionare neanche il loro stesso slogan». [PD Como]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: