Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Ambientalisti contro la Pedemontana, l’opera costosa, inutile e dannosa

Con un nota,  Comitato Parco Regionale Groane – Brughiera,  Le Contrade – Inverigo,  Wwf Insubria, L’Ontano – Montorfano, Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” Alzate Brianza, Il Gambero – Capiago Intimiano,  Sinistra e Ambiente – Meda confermano che la Pedemontana è un’opera fallimentare ed è necessario desistere da continuare a deturpare il territorio e dissipare denaro pubblico.  Il problema non è solo il pedaggio, è la Pedemontana.

«Un fallimento annunciato: perché insistere? Le associazioni ambientaliste brianzole, da sempre molto critiche verso nuove autostrade,  compreso il progetto della Varese-Como-Lecco, rispondono agli annunci dei vari politici locali e regionali apparsi sui quotidiani in questi ultimi giorni. La Pedemontana è da tempo un progetto fallimentare e l’elenco delle criticità è lunghissimo:

I costi sono lievitati a oltre 5 miliardi di euro!

E’ stata un’opera “strategica” giustificata su previsioni di traffico sovrastimate e palesemente sbagliate.

I capitali privati, secondo lo schema del project financing iniziale, dovevano coprire la metà dei costi dell’opera, e invece non sono mai arrivati lasciando, ad oggi, alle sole casse pubbliche l’intera spesa di costruzione, pressoché esaurita per le tratte in esercizio.

E’ a rischio fallimento con proroga continua del “prestito ponte” da parte delle banche.

I dati di bilancio ufficiali di Pedemontana certificano perdite di 7 milioni di euro all’anno!

E’ inadempiente sulle opere di compensazione ambientale e le poche realizzate o hanno stravolto il concetto iniziale di ricucitura del territorio o sono incomplete.

Nonostante tutto questo, i nostri politici di turno, ora non trovano di meglio che rinfacciarsi le promesse elettorali riducendo, in ultima analisi, la questione a una resa di conti. Chiedere di reperire 1 miliardo di euro come finanziamento pubblico per completare il secondo lotto della Tangenziale di Como e chiedere la gratuità del passaggio nel tratto attuale significa chiederli nuovamente a noi contribuenti per buttarli in un’idea sorpassata di mobilità.
Il completamento del secondo lotto della Tangenziale di Como sarebbe il preludio per dare il via all’iter e poi ai lavori dell’autostrada Varese-Como-Lecco, un altro sistema autostradale inutile e devastante per le ultime aree agricole e naturali dell’area collinare brianzola poiché spazzerebbe via spazi di alto pregio ambientale.

Le continue dichiarazioni di tante figure politiche che insistentemente chiedono il completamento dell’opera ci portano a dire che finché non sarà dichiarato e formalizzato lo stop alla riapertura dei cantieri con lo stralcio della Pedemontana dall’elenco delle “opere strategiche” (ex Legge Obiettivo), non ci fermeremo nel denunciare il saccheggio del denaro pubblico e dell’ambiente causato da Pedemontana.

Per tutte queste ragioni le associazioni ambientaliste brianzole ancora una volta e con più determinazione dicono Basta!

L’unica risposta possibile alla soluzione dei problemi di traffico nelle nostre aree urbanizzate sta in un’azione comune, questa sì “strategica”, tra Enti Locali – Provincie – Regione – Ministero dei Trasporti, che investa tutto il settore della mobilità con un improrogabile impegno delle Istituzioni nella sostenibilità ambientale delle scelte da fare. E questo può avvenire solo attuando interventi mirati per sistemare le criticità locali sulla rete stradale esistente, rilanciando la mobilità su ferro attraverso il potenziamento delle linee esistenti (per es.: la linea ferroviaria Como – Lecco attualmente sottoutilizzata) e incentivando una “mobilità dolce” promuovendo anche i valori culturali, artistici e ambientali dei nostri territori.

Tutte queste ci paiono argomentazioni sufficientemente utili per archiviare definitivamente l’idea malsana dell’autostrada Va-Co-Lc e per scrivere la parola “fine” alla tragica vicenda di Pedemontana e delle sue inutili Tangenziali». [Comitato Parco Regionale Groane – Brughiera, Le Contrade – Inverigo,  Wwf Insubria,  L’Ontano – Montorfano, Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” Alzate Brianza, Il Gambero – Capiago Intimiano,  Sinistra e Ambiente – Meda]

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 agosto 2018 da in Ambiente con tag , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: