16 febbraio, Milano: No ai CPR, no alla “legge Salvini”

Il 16 febbraio saremo in piazza di nuovo a Milano, con un corteo che partirà alle ore 14.30 da piazzale Piola, per continuare a costruire insieme l’opposizione dal basso all’apertura dei Centri di Permanenza per il Rimpatrio (CPR), a partire da quello di via Corelli a Milano, e alle politiche razziste e repressive che hanno trovato la loro massima espressione oggi nel DL Salvini.

● Sarà un corteo che intende snodarsi per le vie e il quartiere che abbiamo già attraversato il 1° dicembre, un’altra tappa di un percorso di allargamento che vuole parlare alla città, fatto di azioni che coinvolgano i territori e che tramutino in fatti e pressione sulle istituzioni i punti di rivendicazione contenuti nell’appello elaborato, condiviso e pubblicato dalla Rete Mai più Lager – No ai CPR.

● Vogliamo porre l’attenzione sulla molteplicità dei risvolti che il DL avrà sulle vite di tutte e tutti (che richiede ferme prese di posizione e provvedimenti concreti alle amministrazioni territoriali, modifiche legislative e inversioni di rotta al governo centrale, e sovvertimenti delle politiche migratorie alla UE), e non solo su temi strettamente di immigrazione.

● Una data che impone peraltro di non relegare l’intervento della Rete, anche per il prosieguo, al solo tema del CPR, e tanto meno solo a quello di Milano, inducendo ad avere invece orizzonti più ampi e sfidanti. E ciò avrà riflesso anche sull’iniziativa del 16 febbraio, che non avrà come meta via Corelli.

● Durante l’assemblea generale del 19 gennaio abbiamo siglato un patto di unità e responsabilità collettiva: decine e decine di realtà sono arrivate da tutta Italia per rilanciare con vigore la necessità di una strategia di lungo termine in cui convergano le energie e le intelligenze che si sono già espresse e quelle che si stanno attivando, anche in altri ambiti, apparentemente distanti. Dalla discussione è scaturita una ferma volontà di interporsi con proposte, voci, azioni legali e non solo, con una mobilitazione diffusa e continua, una resistenza civile su più livelli e in più ambiti, che si intersechino con le tante altre in giro per l’Italia.

● Non c’è più spazio per le ambiguità. E’ tempo di scegliere da che parte stare, e noi abbiamo scelto: stiamo dalla parte dei diritti, delle persone migranti e non solo.

Qui il testo dell’appello e il link alle richieste alle istituzioni, tema e obiettivo delle nostre future iniziative e di quelle di chi vorrà aggiungersi o anche solo prenderne spunto per attivarsi nel proprio contesto e territorio.

Qui di seguito l’evento Facebook, che vi preghiamo di condividere in queste ore, e dove entro sabato mattina troverete anche il percorso del corteo.

https://www.facebook.com/events/489478914792201/
Intanto la Rete cresce con nuove adesioni da ogni parte d’Italia, che trovate costantemente aggiornate al solito link dell’Appello che le riporta in calce

https://www.facebook.com/notes/mai-pi%C3%B9-lager-no-ai-cpr/verso-una-resistenza-civile-quotidiana-e-diffusa-a-difesa-dei-diritti-di-persone/408302743074571/

Per chi non avesse ancora aderito e volesse iscriversi alla mailing-list della rete NO CPR, può farlo inviando un’email a noaicpr@gmail.com

PARTENZA DA COMO

A Como ci si trova alle 10.30 al Monumento della Resistenza per preparare cartelloni e striscioni da portare in manifestazione. Dopodiché si mangerà insieme e alle 13.13 si prenderà il treno dalla stazione San Giovanni.

https://www.facebook.com/events/601669850257172/

MAGLIETTE

È possibile acquistare delle magliette per sostenere la rete NO CPR (foto in allegato) rivolgendosi a Fabrizio 3319034925

baggifabrizio@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: