15 giugno/ Arciwebtv/ Voci anziane dal mondo

Dalle 10/ Tra il 2019 e il 2030, si prevede che il numero di persone di età pari o superiore a 60 anni aumenterà del 38%, passando da 1 miliardo a 1,4 miliardi, superando in numero i giovani a livello globale e questa crescita sarà particolarmente maggiore e più rapida nelle regioni in via di sviluppo e richiede maggiore attenzione alle sfide specifiche che devono affrontare le persone anziane, anche nel campo dei diritti umani. L’abuso sugli anziani è un problema sociale che esiste nei paesi in via di sviluppo e sviluppati ed è generalmente sottostimato in tutto il mondo.

Solo in alcuni paesi sviluppati vi sono tassi o stime di prevalenza, che vanno dall’1% al 10%. Sebbene l’entità dell’abuso sugli anziani sia sconosciuta, la sua importanza sociale e morale è indiscutibile. Per questo motivo, questo problema richiede una risposta globale poliedrica che si concentri sulla protezione dei diritti delle persone anziane. I modi di definire, rilevare e risolvere l’abuso sugli anziani devono essere inquadrati nel contesto culturale e considerati insieme ai fattori di rischio che hanno una specificità culturale. Ad esempio, in alcune società tradizionali le vedove più anziane sono costrette a risposarsi, mentre in altre le donne anziane che vivono da sole sono accusate di praticare la stregoneria. Dal punto di vista sanitario e sociale, se i settori dell’assistenza sanitaria primaria e dei servizi sociali non sono ben preparati per rilevare e risolvere il problema, l’abuso sugli anziani rimarrà parzialmente nascosto. [Onu 15 giugno 2020]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: