Salute

Nonnicidio

Prendiamo il caso di Como. Nel mese di febbraio, durante i miei spostamenti a piedi da casa a studio, circa due chilometri al giorno, ho preso nota dello “stato delle mascherine”. Quasi uno svago, un po’ singolare, lo ammetto, ma innocente. In totale i cittadini incontrati sono stati 2.716.

(altro…)

Sanità malata: presidio al Sant’Anna

Anche a Como, davanti all’ex ospedale Sant’Anna di via Napoleona, si è svolto questa mattina il presidio per evidenziare come, a un anno esatto dell’inizio “ufficiale” della pandemia covid-19 in Lombardia, la vera malata sia l’organizzazione sanitaria lombarda.

(altro…)

Cittadella della salute/ Il vero paziente zero

La rimozione di un trauma, di un evento spiacevole o terribile come è quello della pandemia tutt’ora in corso non è mai la soluzione giusta per superarlo e guarire. Non lo è neanche tornare alla «normalità malata» (definita da Manuela Serrentino, del comitato Cittadella della salute) antecedente ad essa: cambiare e rivalorizzare il sistema sanitario pubblico deve essere l’unica strada percorribile per riavvicinarlo ai cittadini e fare di nuovo in modo che dia risposte efficienti e reali alle situazioni di malattia a qualsiasi livello.
Per questo la rete Cittadella della salute afferma che «ad un anno dal paziente uno, il vero ammalato è la sanità lombarda» e chiede al più presto riforme e dibattiti concreti nell’agenda regionale e nazionale.

(altro…)

Diritto alla salute e giustizia sociale

Si è tenuto durante la serata di lunedì 8 febbraio dalle 18,00 alle 20,00 un incontro organizzato dall’Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau (Aifo), con la partecipazione di rappresentanti del Segretariato Italiano Studenti in Medicina (Sism) e di Gi.Fra, la Gioventà Francescana Italiana. Nel corso del dibattito si è parlato soprattutto di diritto alla salute e dei determinanti sociali che su di esso influiscono. L’incontro rientra in un ciclo di interventi svoltisi online ma nello spirito di creare piazze virtuali. Fulcro delle iniziative è l’approfondimento di temi legati all’inclusione sociale e alla salute, partendo dall’occasione della 68^ giornata mondiale dei malati di lebbra.

(altro…)

8 febbraio/ Diritti e salute

Si terrà lunedì 8 febbraio, dalle ore 18 alle ore 20, un incontro dal titolo Malattie virali, lebbre, disabilità: la salute del mondo passa dalla difesa dei più fragili. L’incontro è organizzato dall’Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau (Aifo), insieme ai rappresentanti di Segretariato Italiano Studenti in Medicina (Sism) e de La Gioventù Francescana (Gifra). Sarà possibile partecipare cliccando qui.

(altro…)

Uds/ Scuole aperte senza sicurezza

«Scuola rientro lunedì. Studenti: Un’altra presa in giro. Questo rientro non è né un miglioramento né una vittoria. La scuola è essenziale, e se Governo e Regione non investono sull’istruzione è una sconfitta per tutti. Lunedì riaprono le scuole. Perché hanno investito per garantirci il nostro diritto allo studio in sicurezza? No.

(altro…)

Uds/ Rientro sicuro e per tutti e tutte

In una vigilia di Natale anomala per via del covid, l’attenzione politica comasca si sposta verso le riaperture di gennaio. In particolare, Uds Como invierà, alle 16, una lettera aperta a prefetto, Provincia e Comuni di Como, Cantù ed Erba per discutere il rientro a scuola del 7 gennaio; un momento quanto mai delicato per la sanità provinciale.

(altro…)

A Natale io resto a casa. In Germania

Leggo a destra e a sinistra, anche politicamente parlando, commenti di indignazione per le restrizioni decise dal Governo italiano per il periodo Natalizio. Indignazione, perché anche gli oltre 5 milioni di italiani all’estero, al pari degli altri cittadini del mondo, dovranno rispettare le regole imposte dalla pandemia. E quindi, detto in parole povere, si deve restare a casa. Evidentemente quasi mille morti al giorno in Italia non ci fanno più paura. Non ci fanno più riflettere.

(altro…)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: