Gallerie d’Italia di Milano/ Tiepolo. Venezia, Milano, l’Europa.

Il banchetto di Cleopatra, una delle opere esposte a Milano dal 30 ottobre 2020 al 21 marzo 2021

Mercoledì mattina è andata in onda in streaming sul sito di banca intesa Sanpaolo la presentazione della mostra Tiepolo. Venezia, Milano, l’Europa, che sarà aperta alle Gallerie d’Italia dal 30 ottobre 2020 al 21 marzo 2021.

L’esposizione delle opere di Giambattista Tiepolo a Milano costituisce una prima volta nel capoluogo lombardo e celebra il 250esimo anniversario della morte del pittore veneziano.
Tiepolo (1696-1770) fu influenzato dall’arte veneziana cinquecentesca, in particolare da Veronese e Tintoretto, le cui opere studiò approfonditamente e dai suoi contemporanei: formatosi alla bottega di Lazzarini, fu da lui che mutuò la teatralità compositiva . Gli vennero presto riconosciute capacità artistiche straordinarie, che si esprimevano in un repertorio vario per tecniche e tematiche che, oltre che fedeltà alla committenza, mostravano la capacità di reinventare i temi classici in cui l’artista si cimentava.
Le sue doti furono apprezzate presto in tutto il nord Italia: richiestissimo, arrivò ad essere l’artista più pagato d’Europa. Dopo un breve momento di oblio delle sue opere fu la riscoperta da parte di Hayez a riportarlo, un secolo dopo la sua morte, sotto i riflettori della critica dell’epoca.

Alessandro Morandotti, che ha curato la mostra in collaborazione con Fernando Mazzocca, ha spiegato che essa raccoglie quadri prestati dai poli museali di Stoccarda, Londra, New York e Madrid, cosa che conferma la rilevanza internazionale delle Gallerie. La celebrazione di un anniversario così importante proprio a Milano è dovuta, data l’importanza del Tiepolo nell’arte meneghina tra 1730 e 1731, quando gli furono commissionate le decorazioni di Palazzo Archinto e Palazzo Dugnani.
Il percorso d’esposizione non è cronologico, ma ricostruisce l’arte di Tiepolo tematicamente o proponendo il confronto tra opere di autori diversi, ma uguali nel tema svolto. La carriera e il metodo di lavoro del pittore sono ricostruiti quindi minuziosamente attraverso un insieme di dipinti che ne restituiscono le trasformazioni e le scelte stilistiche.

Nonostante le condizioni sanitarie odierne, è importante continuare a tentare di diffondere la cultura nel territorio. Tiepolo. Venezia, Milano, l’Europa ha esattamente questo fine.

[Pietro Caresana, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: