14 giugno/ Nivul e Sogn/ Dal buio alla luce

14 giugno alle ore 18,30 a Villa Olmo, sotto gli alberi, nel parco, all’interno della 11° edizione della rassegna di teatro poetico Nivul e Sogn (organizzata da Teatro Arte Orizzonti inclinati), si terrà l’incontro Dal buio alla luce, con testi di Ilaria Leone e letture di Miriana Ronchetti. In caso di maltempo, il ritrovo per la serata sarà presso Associazione Giosuè Carducci in Viale Cavallotti 7, a Como.

Testi di Ilaria Leone
Letture di Miriana Ronchetti
Giocoleria poetica di Rastalele Sulemano
Gestualità con Gigliola Foglia
Ingresso libero – Contributo libero a favore dell’Associazione.

Ilaria Leone (molto attiva anche con il proprio blog The sweet abyss of my soul – Diary of dark and light) scrive poesie e racconti dall’età di 6 anni: si autodefinisce «I’m a universe devoted to maximum entropy where balance is born from the greatest chaos». Il muro, prima poesia a ricevere una segnalazione di merito nel Premio letterale nazionale L’Esagono, Cassago Brianza.
Altre partecipazioni a concorsi, sono state quasi involontarie in quanto suggerite e praticamente attivate dalla madre Miri Ronchetti. Tutte premiate e classificate in finale.
E siamo ancora qui (poesia classificata seconda al concorso internazionale di poesia e narrativa Città di Salò 2010, ottava Edizione) viene musicata dal maestro Francesco Sicari.

«Nei suoi scritti, il segno della continuità dell’esistere è dato dal permanere dei sogni e delle speranze che trascinano l’essere umano nella continua ricerca della verità che si cela dietro l’apparente e della condivisione nella sensibilità. La sua poesia si muove con agili note in un greve messaggio, colmo di tante implicazioni e di tante suggestioni, con un linguaggio limpido e con una attenzione mai banalizzante verso i più sottili e reconditi moti dell’anima». Recensione della dottoressa Rina Gambini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: