9 novembre/ Presenza democratica antifascista al Tribunale

Martedì 9 novembre, largo Spallino, accanto al Tribunale: una presenza democratica per ricordare a tutte, tutti (cittadine, cittadini, istituzioni) quanto sia importante l’avvio (questa volta auspicabile) del processo contro neofascisti ed azioni squadriste. Accanto a Como senza frontiere manifestano, contro odio, razzismo e violenza associazioni, partiti democratici e cittadinanza.

Sono ormai passati quattro anni da quando, il 28 novembre 2017, un gruppo di neofascisti del Veneto fronte skinheads fece irruzione durante un’assemblea di Como senza frontiere che si svolgeva presso il Chiostrino Artificio, spazio di proprietà comunale allora gestito dall’associazione Luminanda aderente alla rete.
L’azione venne esplicitamente rivendicata dal Veneto fronte skinheads fin dal momento in cui l’ha messa in atto, così come è evidente la “premeditazione” dell’atto, visto che a Como si sono ritrovati neofascisti provenienti da molte zone dell’alta Italia. Né è possibile mettere in dubbio il carattere marcatamente squadristico dell’azione.
E dunque? Quanto dobbiamo aspettare perché tutti questi elementi vengano riconosciuti e sanzionati dalla pubblica Giustizia?
Con lentezza esasperante, il procedimento a carico dei tredici neofascisti sta forse arrivando alla dirittura finale. Quest’anno abbiamo assistito a ben due rinvii per errori procedurali da parte degli uffici giudiziari e poi a un terzo rinvio determinato dal “cambio” di giudice. Non c’è alcuna ragione sensata che possa giustificare un simile ritardo nel giudizio di fatti che sono tanto gravi quanto palesi.


Martedì 9 novembre, a partire dalle ore 9, saremo di nuovo in piazza, in largo Spallino, davanti al portico dell’ex chiesa di San Francesco, di fianco al Tribunale, non solo nella speranza che il processo imbocchi finalmente la strada giusta, ma anche e soprattutto per ricordare all’intera cittadinanza che quell’irruzione non è stata una “ragazzata”, che non è stato un “fatto isolato” (come le continue azioni fasciste dimostrano, fino al recente, gravissimo assalto alla sede nazionale della Cgil a Roma) e che le istituzioni hanno il dovere – secondo lo spirito e la lettera della Costituzione della Repubblica Italiana – di contrastare i movimenti fascisti, perché senza i valori antifascisti l’orizzonte democratico resta debole e confuso.
Per tutto questo, dopo quattro anni, chiamiamo di nuovo la cittadinanza, e tutti le associazioni e i partiti democratici a manifestare contro la violenza e l’odio fascista, nazista e razzista.
Contro il fascismo non ci possono essere rinvii o incertezze.

Martedì 9 novembre 2021 dalle 9.00 alle 11.30
a Como in largo Spallino
presenza democratica antifascista». [Como senza frontiere]


Aderiscono alla rete Como senza frontiere: Aifo Como, Anpi Monguzzo, Anpi provinciale Como, Arci Como, Arci-ecoinformazioni, Associazione artistica Teatro Orizzonti inclinati, Associazione Culturale Territori-Natura Arte Cultura, Associazione Migrante Como-Milano, Associazione Par Tüc, Associazione Luminanda, Baule dei suoni, Cgil Como, Comitato comasco antifascista, Comitato Como Possibile Margherita Hack, Como accoglie, Cooperativa Garabombo, Coordinamento comasco per la Pace, Coordinamento comasco contro l’omofobia, Donne in nero Como, Emergency Como, +Europa Lario, Giovani comunisti Como, I Bambini di Ornella, Baule dei suoni, Italia-Cuba Como, L’altra Europa Como, L’isola che c’è, Libera Como, Medici con l’Africa Como, Missionari comboniani di Como e Venegono, Potere al Popolo Como e provincia, Prc/Se provinciale Como, Scuola di italiano di Rebbio, Sinistra Italiana Como, Unione degli studenti Como, Volontari della Parrocchia di Rebbio, tante e tanti altri.

1 thought on “9 novembre/ Presenza democratica antifascista al Tribunale

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: