immigrazione

Como è con Diakite Youssouf

Da questa sera, 25 febbraio, Como ricorda il quinto anniversario della morte di Diakite Youssouf, vittima delle migrazioni e delle frontiere criminali che nel 2017 ha perso la vita folgorato dalla rete elettrica ferroviaria mentre sul tetto di in treno provava a raggiungere la Svizzera alla volta del nord Europa.Nonostante l’ostruzionismo burocratico siamo riuscite/i, come Como senza frontiere, ad ottenere i permessi per le affissioni. Domenica 27 e lunedì 28 ci saranno altre due iniziative, una al cimitero di Balerna dove è sepolto ed una alla stazione di Como San Giovanni, luogo simbolo della privazione dei diritti delle persone migranti. [Fabrizio Baggi, Prc]

Acli/ Con le ucraine a Como


Le Acli di Como sono da sempre vicine alle lavoratrici e lavoratori domestici che prestano servizio presso le nostre famiglie nel settore della cura e assistenza, attraverso l’Associazione Acli-Colf.
Il lavoro domestico è svolto in particolare da donne , che da anni sono la maggiore rappresentanza nel lavoro di cura in tutta Italia; si occupano dei nostri cari dedicando tempo, professionalità e pazienza nella gestione di tutte le fragilità che colpiscono i nostri anziani. L’Associazione Acli-Colf ed il servizio Mondocolf del Patronato Acli, offrono un aiuto per un’analisi del bisogno di cura e di assistenza , per l’orientamento e la conoscenza del territorio, oltre ad un incrocio domanda offerta di lavoro , opportunità per la creazione di un welfare di prossimità per la famiglia.

(altro…)

27 e 28 febbraio/ Ricordando Diakite Youssouf

Lettera aperta al Comune di Como, al Consiglio Comunale e alla cittadinanza tutta. «La rete Como senza frontiere, con altre realtà del territorio, intende ricordare il 27 e il 28 febbraio il quinto anniversario della morte di Diakite Youssouf, giovane migrante proveniente dal Mali folgorato sopra il tetto di un treno dalla rete elettrica ferroviaria presso la stazione di Balerna, in Canton Ticino, mentre cercava di proseguire il suo viaggio verso l’Europa del nord, ostacolato dalle norme e dai regolamenti che non riconoscono il diritto inalienabile di migrazione (sancito anche dalle Nazioni Unite).

(altro…)

Csf/ Resistenza europea/ Diritti globali

Como senza frontiere, rispondendo all’appello della Giornata globale di lotta contro il regime di morte nelle frontiere e per esigere verità, giustizia e riparazione per le vittime della migrazione e per le loro famiglie, ha svolto il 6 febbraio al Monumento alla Resistenza Europea di Como la Marcia Sono persone non numeri.

(altro…)

Partorire in un sacco a pelo nell’Europa dei muri e dei reticolati

Nella giornata Giornata globale per le vittime delle migrazioni, a Como, domenica 6 febbraio dalle 15 alle 16, ai giardini pubblici che affacciano sulla riva del Lago, presso il Monumento alla Resistenza Europea, con Como senza frontiere «per chiedere il riconoscimento dei diritti delle persone migranti, per non dimenticare la strage continua ai confini della Fortezza Europa, per restare umani», ci sarò anche io – come cittadina, come dirigente dell’Arci, come coordinatrice provinciale di Sinistra Italiana, come Donna in nero. E ci saranno altre donne, spero tante.

(altro…)

30 anni dalla legge sulla cittadinanza

Sabato 5 febbraio ricorre l’anniversario dell’entrata in vigore della legge n.91 del 1992 sulla cittadinanza. Sono anni che come Arci, da soli o, più spesso, insieme ad una vasta rete di associazioni, portiamo avanti una battaglia per modificare la legge in modo da consentire ai bambini e alle bambine figlie di immigrati di poter acquisire la cittadinanza italiana fin dalla nascita o dopo aver frequentato un ciclo scolastico se arrivati in Italia da piccoli. La nostra richiesta è anche di sottrarre alla discrezionalità della pubblica amministrazione la decisione sull’accesso alla cittadinanza degli adulti residenti da più anni in Italia, trasformando quel diritto in un diritto soggettivo, legato solo alle condizioni previste dalla legge, e non alla decisione del funzionario di turno, com’è oggi.

(altro…)

Scuola di vita

Scuola di vita” [Proedi editore 2021, 14,90 euro] è un libro autobiografico scritto da Thierno Gaye, dal 1998 in Italia, e da molti anni residente in provincia di Como. La sera del 13 dicembre è stato presentato e raccontato all’Oratorio di Rebbio.

(altro…)

Video/ ResQ a Fino Mornasco/ La mostra

Nella giornata del 19 dicembre, anche grazie all’improvvido spot dovuto alla provocazione razzista dovuta al circolo locale di FdI, tanti/e visitatori/e. Per loro dolcetti, libri importanti per approfondire antirazzismo, Pace e nonviolenza, la possibilità di acquistare oggetti di ResQ e di sottoscrivere e la possibilità di vedere dalle immagini di C’è una nave che parte da casa mia disposte lungo il perimetro della sala Ottagono di Fino Mornasco lo stato pietoso dei diritti umani alle frontiere della Fortezza Europa e come concretamente si possa agire contro i mercanti di morte e gli assassini “legali” che costringono a morire tante e tanti nelle diverse rotte di terra e di mare. [Video e foto Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni]

(altro…)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: