Comitato difesa Costituzione Como

Ipotesi di riforma costituzionale della giustizia. Sarebbe utile al paese?

Vittorio Nessi, sostituto procuratore generale alla Corte d’Appello di Torino interviene venerdì 13 maggio alle 21 a Villa Gallia (Amministrazione provinciale) in via Borgovico a Como, all’incontro organizzato dal Comitato provinciale di Como per la difesa della Costituzione. Introduce Luciano Forni, coordina Aniello Rinaldi. Per informazioni e-mail difesacostituzione@alice.it.

Appassionata difesa di Costituzione, scuola, magistratura

Al presidio di sabato 12 marzo indetto anche a Como dal Comitato Difesa Costituzione hanno partecipato più di 100  persone che hanno manifestato il loro sostegno alla scuola pubblica e agli insegnanti attaccati dal presidente del Consiglio e dalla sua ministra dell’Istruzione. Negli appassionati interventi di Aniello Rinaldi, Luciano Forni, Licia Badesi, Chiara Braga, Alessandro Tarpini, Luisa Seveso, Rosa De Rosa, Bruno Magatti  e molti altri l’affermazione della necessità di difendere la Costituzione più bella del mondo, di attuarla più compiutamente, di sostenere i pilastri della nostra società democratica: magistratura e scuola non a caso obbiettivi costanti degli attacchi del governo Berlusconi.

La Flc della Cgil di Como aderisce alla mobilitazione del 12 marzo

La segreteria della Federazione lavoratori della conoscenza aderisce alla mobilitazione indetta dal Comitato comasco Difesa Costituzione e invita a «incontrarsi senza bandiare né sigle per manifestare la dignità della scuola pubblica di Stato». Il sindacato invita tutto il personale della scuola, dei settori della conoscenza e i cittadini tutti ad aderire alla manifestazione che si terrà a Como in piazza Boldoni dalle 14 sabato 12 marzo.

A Como per la Costituzione sabato 12 marzo in piazza Boldoni dalle 14

Sabato 12 marzo, a partire dalle ore 14, il comitato di Como per la difesa della Costituzione sarà in piazza Boldoni a Como per promuovere un’iniziativa a sostegno della difesa della Costituzione, della scuola pubblica e dei valori democratici del nostro Paese. Parteciperà alla mobilitazione anche Paco. Leggi nel seguito del post il comunicato di adesione di Progetto amministrare Como. (altro…)

Intervista a Giuseppe Giulietti, articolo 21

Intervista a Giuseppe Giulietti, portavoce di Articolo 21, che parlerà alla Biblioteca di Como giovedì 3 dicembre alle 18 nell’incontro Libertà d’informazione: diritto costituzionale o chimera? Organizzato dal Comitato per la difesa della Costituzione.

 «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure». Queste sono le prime parole dell’Articolo 21 della Costituzione della Repubblica Italiana: siamo di fronte a un diritto costituzionale in pericolo? Si interroga oggi su questo tema, la libertà d’informazione nel nostro paese, il Comitato per la difesa della Costituzione di Como, che organizza alle 18 un incontro alla Biblioteca comunale. Relatore sarà Giuseppe Giulietti, portavoce di Articolo 21, deputato del gruppo misto (ex Italia dei Valori), giornalista attivo da anni nella difesa di un’informazione libera e plurale. «La Costituzione – dichiara il portavoce di Articolo 21 – è sempre più oltraggiata, sempre più assaltata, umiliata. Come dimostra l’incredibile dibattito che si è aperto nel centro destra sulle parole di Gianfranco Fini: in qualsiasi altro paese europeo le dichiarazioni del presidente della Camera sul fatto che chi ha la maggioranza non può fare quello che vuole sarebbero state considerate un’ovvietà, proprie di qualunque leader di centrodestra. In Italia invece sono state addirittura chieste le dimissioni di Fini. È evidente che le sue considerazioni sono ritenute gravissime da Berlusconi, significa che il Presidente del Consiglio ha in qualche modo in mente il superamento di un principio costituzionale». Ma qual è la percezione del problema da parte dell’opinione pubblica? I cittadini “sentono” la libertà dell’informazione come una priorità? «Credo che il tema sia più sentito oggi che in passato. Certamente – continua Giulietti – la percezione di tale emergenza è stata a lungo molto bassa e la responsabilità è anche dell’opposizione: il conflitto d’interessi non affrontato dal centrosinistra, lasciato in appalto a Berlusconi, con un’azione di contrasto blanda, si rivela oggi la vera metastasi italiana. Ciò detto, ho la sensazione che tra i cittadini, nella società civile, tra i manifestanti e nella rete, dunque dal basso, stia crescendo la consapevolezza che un sistema mediatico oscurante è pericoloso per le libertà dei cittadini stessi». E da internet è nato appunto l’appello per il No Berlusconi day, che si terrà sabato 5 dicembre a Roma: cosa può fare allora la piazza per la libertà d’informazione? «Più che di piazza dobbiamo chiederci cosa possono fare milioni e milioni di cittadini insieme. Io parteciperò alla mobilitazione ma sia chiaro che non sarà un referendum interno al centrosinistra, quanto piuttosto un evento libero e autonomo promosso da ragazzi e ragazze. In questo senso dobbiamo essere ovunque ci sono persone che manifestano il loro amore per la legalità e la Costituzione. Dopo il No B day chiederemo a tutte le associazioni che hanno promosso il 3 ottobre di lanciare mille iniziative in tutti i Comuni – è quanto chiederò anche a Como oggi -, per arrivare poi ad un’altra grande manifestazione unitaria che riunisca tutti i cittadini, indipendentemente dal voto che hanno espresso alle elezioni. Vedo come data ideale per questa mobilitazione conclusiva l’inizio dell’iter finale alla Camera e al Senato del ddl sulle intercettazioni e sul processo breve: in quel momento bisognerà andare in piazza in milioni, senza bandiere, né gelosie o protagonismi. Non a caso il Presidente Ciampi ha invitato alla sorveglianza democratica; ritengo che il suo appello – che non è certamente quello di un estremista – non sia stato compreso fino in fondo». Quanto alla Rai, per Giulietti il servizio pubblico radiotelevisivo «è in una pessima situazione, ridotto ad essere un satellite di Mediaset, con scarsa autonomia industriale ed editoriale; non era mai accaduto che dieci testate giornalistiche su undici fossero controllate dall’attuale maggioranza». Dunque il “caso” del direttore di RaiTre Paolo Ruffini, sostituito in corsa nonostante gli ottimi risultati ottenuti, è ancora una volta emblematico di certe dinamiche tutte italiane: «è stato cacciato perché Berlusconi ne ha chiesto la testa da oltre un anno, così come vuole la testa di altre trasmissioni come Report e Anno Zero. Nutro grande stima per il nuovo direttore Di Bella, ma se fossi in lui mi metterei da parte tutte le proteste per l’espulsione di Ruffini, incluse quelle di Articolo 21, dovrà affrontarle…E il centrosinistra in questa situazione gravissima non trova di meglio che celebrare Ruffini, non vedo cosa ci sia da festeggiare: è la solita sindrome degli sconfittisti». Per saperne di più: http://www.articolo21.info. [Barbara Battaglia, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: