Connessioni contro corrente

24 settembre/ Risvegli allo Spazio Gloria con il pianoforte di Vsevolod Dvorkin

Domenica 24 settembre alle 10.30 Connessioni controcorrente torna allo Spazio Gloria per un nuovo appuntamento di Risvegli, matinée di musica classica che in quattro tappe domenicali renderanno più dolce l’arrivo dell’autunno. Per il secondo appuntamento in programma un concerto solitistico di pianoforte eseguito da Vsevolod Dvorkin, con musiche di Ludwig van Beethoven e Modest Musorgskij.

Inizio alle 10.30, al termine un aperitivo.

Ingresso 7 euro.

Per il programma completo visitare la pagina Facebook dell’evento.

Vsevolod Dvorkin, nato a Mosca nel 1972, frequenta la Scuola Musicale Speciale Gnessins e il Conservatorio Ciaikovsky dove, studiando con Vera Gornostaeva e Natalia Troull, si diploma brillantemente nel 1995. Si perfeziona con Karl-Heinz Kämmerling e Sergio Perticaroli e, grazie a una borsa di studio offerta da Maurizio Pollini e Francesco Micheli, approfondisce gli studi in Italia. Si diploma dunque presso l’Accademia Incontri col Maestro a Imola, sotto la guida di Lazar Berman, e al Conservatorio Verdi di Milano, con Vincenzo Balzani.

Tra il 1993 e il 1996 Dvorkin riceve numerosi riconoscimenti: tra gli altri, riceve il primo premio al Concorso Internazionale Città di Pavia e al Viotti di Varallo, e il secondo premio al concorso Città di Cantù. Nel 2002 incide il “Quartetto op. 47 di Schumann” per la Stradivarius e nel 2004 il cd Recitarsuonando con Sonia Bergamasco per la Raitrade.

Nel corso della sua carriera si esibisce in Germania, Russia, Corea del Sud, Giappone, Ungheria, Messico, Cipro, Egitto, Austria, Francia, Spagna, Svizzera e Italia, suonando come solista con numerose orchestre, fra cui la Sinfonica di Mosca, la Filarmonica di Udine, la Stabile di Bergamo, l’Orchestre d’Auvergne, l’Orquesta Filarmonica de la UNAM (Messico) e sotto la direzione di maestri quali Zollman, Nanut, Ziva, Fagen. Partecipa inoltre a prestigiosi festival e lavora inoltre con l’attrice Sonia Bergamasco negli ambiti del melologo e del teatro da camera.

Risvegli è un’iniziativa di Connessioni Controcorrente, progetto di rigenerazione culturale urbana firmato Arci Xanadù, Arci ecoinformazioni e Teatrogruppo popolare, realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo; la rassegna è stata organizzata in collaborazione con Casa della musica, Kammermusik, e con il patrocinio del Comune di Como.

Risvegli Controcorrente: al via il ciclo di concerti allo Spazio Gloria

Risvegli è la nuova proposta del progetto Connessioni Contro Corrente, percorso di rigenerazione culturale urbana firmato Arci Xanadù, ecoinformazioni e TeatroGruppo Popolare e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo: in un orario “insolito” (la domenica mattina, ma non così presto!…) una breve serie di concerti di musica “classica”, organizzati insieme alla Casa della Musica di Como.

Il primo appuntamento, previsto all’aperto in piazza Martinelli, si è invece dovuto svolgere al chiuso, a causa del cattivo tempo, presso lo Spazio Gloria, ed è un peccato, non perché l’interno del Gloria non sia adeguato allo scopo, ma perché la musica proposta dalla bGold Saxophone Orchestra negli spazi della piazza avrebbe potuto fare da richiamo per molta gente.

Il programma è stato in effetti assai vario, e – in generale – niente affatto per addetti-ai-lavori. La bGold Saxophone Orchestra, nata nel 2015 da un’idea della docente Silvia Guglielmelli del Liceo musicale “Manzoni” di Varese e sviluppatasi poi grazie alla collaborazione di Franco Brizzi, docente al Conservatorio “Verdi” di Como, porta con sé una enorme comunicativa, evidentemente fondata della sua elaborazione didattica. Formato da giovani studenti delle classi di saxofono delle due scuole, comasca e varesina, l’ensemble allinea le diverse voci del ben noto strumento a fiato (soprano, contralto, tenore, baritono e basso, con una netta prevalenza numerica dei contralti) e le utilizza per presentare un repertorio che spazia tra Otto e Novecento e tra musica colta, jazz e musica popolare. Del resto il sax, inventato negli anni Quaranta del XIX secolo, deve la sua fortuna non solo alla musica colta (Berlioz lo elogiò nel suo trattato di strumentazione), ma anche e soprattutto alle bande e ai gruppi jazz.

Nel corso del concerto sono state quindi eseguite musiche di compositori ottocenteschi (come una trascrizione dalle Danze ungheresi di Brahms e un’altra dalle Danze slave di Dvořák), novecenteschi (come Jupiter, tratto dai celebri Pianeti di Holst), accompagnate da musiche “di confine” tra i diversi generi (come Tango per Astor [Piazzolla] di Ros e un Ragtime di Scott Joplin).

Il pubblico presente (purtroppo non molto numeroso) ha mostrato di apprezzare la proposta e la qualità esecutiva, lasciandosi coinvolgere dalla musica.

Risvegli continua nelle prossime settimane con altri tre concerti: il 24 settembre sarà protagonista il pianista Vsevolod Dvorkin con un repertorio dedicato a Beethoven e Mussorskij.

[Fabio Cani, ecoinformazioni]

Già on line sul canale di ecoinformazioni tutti i video hd dell’iniziativa del 10 settembre allo Spazio Gloria

 

Enzo D’Antuono (Arci – Como) nella breve introduzione al ciclo di concerti:

 

Alcuni momenti del concerto della bGold Saxophone Orchestra:

Liberi tutti, tutti liberi – “Sconfinati destini” conquista il Teatro sociale

DSCN9995Chiunque abbia esperienza diretta di arte drammatica si sarà accorto che un palcoscenico teatrale non è perfettamente orizzontale: reclina leggermente verso la platea, consentendo a tutti gli spettatori una completa visione della scena.
Eppure, in un senso diverso, un palcoscenico – nella fattispecie, quello del Teatro sociale di Como, la sera di domenica 9 aprile, può creare una condizione di orizzontalità, nel mettere tutti quanti – attori, musicisti, organizzatori e pubblico, per non parlar del regista  – allo stesso livello. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: