Enrico Caronti

23 dicembre/ L’Anpi ricorda il partigiano Enrico Caronti

Sabato 23 dicembre ricorre il settantatreesimo anniversario della barbara uccisione del partigiano Enrico Caronti (Romolo). La sezione di Dongo lo ricorderà alle 11 con una commemorazione al cimitero di Menaggio, mentre a Blevio sarà ricordato alle 14.30 nei pressi del monumento a lui dedicato (sulla strada per Bellagio).

Ciao Nello

nello-caronti

All’alba di domenica 13 novembre all’opedale Valduce di Como dove era ricoverato, si è spento Lionello Caronti. Figlio del partigiano Enrico Caronti, da sempre militante antifascista e iscritto Anpi. Il saluto in forma civile si è tenuto nella mattinata del 15 novembre al cimitero di Blevio, con la partecipazione commossa di molte persone e delle rappresentanze di molte formazioni politiche e associazioni.

funeralenellocaronti

Un’immagine dei funerali

23 dicembre/ Commemorazione di Enrico Caronti

1459858_755667967849783_6775123327854575494_nL’Anpi invita a partecipare mercoledì 23 dicembre alla commerazione del partigiano Enrico Caronti “Romolo”, commissario politico della 52ma Brigata Garibaldi L. Clerici nel settantunesimo anno dalla sua trucidazione avvenuta per mano fascista la notte del 23 dicembre 1944 a Menaggio. La sezione di Dongo alle 10.30 promuove l’incontro al cimitero di Menaggio, mentre la sezione Est Lago alle 14.30 invita a trovarsi a Blevio, paese nativo di Caronti, dove si trova un monumento in suo ricordo.

Menaggio/ Svastica contro la memoria/ Già cancellata

Caronti-svastica-MenaggioL’Anpi di Como, indignata contro l’ennesimo atto vandalico, accusa la politica di non fare abbastanza per fermare i rigurgiti nazifascisti. Contro lo sfregio si è mosso con tempestività e efficienza  il Comune di Menaggio che – lo segnala l’Anpi provinciale che ringrazia la giunta guidata dal sindaco Adolfo Valsecchi – ha provveduto alla pulizia del cartello imbrattato nei giorni scorsi dai fascisti che presto verrà ricollocato nella sua originale posizione. 

 «Nella notte tra sabato 10 e domenica 11 ottobre, ignoti hanno imbrattato con una svastica il pannello informativo dedicato al partigiano Enrico Caronti, installato, poco più di un anno fa, all’esterno del cimitero menaggino sul luogo della sua morte dall’Amministrazione provinciale. Purtroppo il ripetersi di questi vandalismi sia sul nostro territorio che in tanti altri luoghi, è il risultato del lassismo che le autorità competenti, tutte, hanno mostrato in questi anni nei confronti delle organizzazioni neofasciste e neonaziste. Quest’anno si celebra il settantesimo della guerra di liberazione dalla dittatura fascista e dall’occupazione nazista e gli atti di provocazione sono aumentati in maniera esponenziale. L’Anpi con tutte le forze democratiche e antifasciste chiede con forza che venga fatta rispettare la Costituzione e le leggi in vigore.» [Anpi Como]

«Libertà, ecco la nostra meta»

Venerdì 23 novembre e sabato 24, nella Sala d’oro quasi gremita di Palazzo Manzi a Dongo e di fronte a una quarantina di persone all’ istituto Iacopo Rezia di Menaggio, la storica Irene Fossati Daviddi ha presentato la ristampa del libro Enrico Caronti  la forza delle idee, alla presenza del presidente dell’Anpi Como Guglielmo Invernizzi e dell’assessore alla cultura Elena Caproni. All’incontro di Dongo la staffetta partigiana Wilma Conti ha portato il suo contributo alla discussione con un intervento. I due appuntamenti fanno parte della rassegna Memoria resistente organizzata da Anpi Como, ecoinformazioni, Istituto di storia contemporanea Pier Amato Perretta e Arci provinciale, con il contributo della regione Lombardia. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: