Ex-libris

Memoria di Auschwitz e vergogna


imagesAuschwitz ci riguarda, non è solamente passato o un futuro da scongiurare. È presente, anche in chi 
non ha vissuto in quegli anni, ma se li trova consegnati in eredità dalla Storia. Come rapportarsi allora ad Auschwitz, e quali contenuti scegliere per dare senso alla giornata della memoria? Sabato ventisei febbraio si è cercato di rispondere a queste domande, proponendo una chiave di lettura e condividendo un momento di riflessione all’associazione ex libris in via Borgo Vico attraverso la presentazione del libro La neve nell’armadio. Auschwitz e la vergogna del mondo di Enrico Mottinelli. La presentazione è stata racchiusa dalle letture di Gabriella Bianchini e dall’esecuzione di alcuni brani klezmer interpretati da Tommaso Latis (violino) e Andrea Lietti (pianoforte e fisarmonica) [guarda il video]. La serata, seguita da circa cinquanta persone si è conclusa con un aperitivo.

(altro…)

Donne compositrici per la Giornata internazionale della donna

La violinista Mariateresa Lietti e la pianista Adriana Mascoli (che con Claudia Galli hanno fondato nel 1983 il gruppo Donne in musica di Como) hanno offerto l’11 marzo, nella sala di Ex libris in via Borgovico 35 a Como, il concerto Insolite note. All’esecuzione di brani delle composizioni Amalia di Prussia, Maria Theresia von Paradis, Lili Boulanger, Germaine Talleferre, Barbara Heller, Erzsebet Szonyi le musiciste hanno alternato alcune letture da Una stanza tutta per sé di Virginia Woolf. (altro…)

Musica e parole a Ex-libris per la Giornata della memoria

Nel clima raccolto della saletta di via Borgovico 35 a Como, sabato 21 gennaio 2012 alle 18.30,  sotto le volte dell’ex convento di Santa Caterina, Magda Stella ha letto con intensità espressiva alcune parti tratte dai diari di Hetty Hillesum e il Trio Dafne (violino, violoncello e pianoforte) ha interpretato l’op.49 di Felix Mendelssohn e l’op.67 n.2 di Schostakovich. In apertura le musiciste hanno ricordato che la musica di Mendelssohn era stata messa al bando durante il periodo nazista per l’appartenenza del compositore a una famiglia ebrea, ancorchè convertita al cristianesimo luterano. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: