Perugino Perugini

Ricordare Perugino Perugini

Si è svolta nel pomeriggio del 13 febbraio, al Cimitero di Albate, nell’anniversario della sua scomparsa, nel febbraio del 2009, una breve cerimonia in ricordo di Perugino Perugini a cui è dedicata la sezione cittadina dell’Anpi. Presenti i dirigenti dell’Anpi di Como, la figlia, alcuni amici. Purtroppo, quest’anno poche persone, rispettando le normative covid. Perugino Perugini, una figura storica della nostra città.

Lo ricorderete sempre in giro in bicicletta a ricordare e a far memoria. Memoria della sua vita sempre impegnata nel lavoro, nella socialità. Una persona sobria e austera, un esempio di solidarietà e di attivismo.Il suo impegno contro il razzismo, i nazionalismi, contro quelle idee di vilrnza e sopraffazione sempre e anche oggi presenti. Perugino Perugini fu anche uno dei fondatori di associazioni come ItaliaUrss e poi di ItaliaCuba che hanno favorito conoscenze, scambi culturali e iniziative di solidarietà. Grazie all’idea sua e di Donato Supino di mandare tanti anni fa a Cuba i bus dell’Azienda di trasporto comasca ha creato riconoscenza e il nome di Como se lo ricordano ancora. Perugino Perugini deve essere ricordato: la memoria di persone come lui, il ricordo delle loro idee, sono di insegnamento e stimolo per l’oggi e per il futuro. [Luigi Nessi, ecoinformazioni, foto Luigi Nessi, ecoinformazioni]

ARCI COMO WebTV/ “Èstate con noi”/ Palinsesto 28 luglio/ Jlenia Luraschi/ Commemorazione partigiana

La sezione Anpi di Como ogni anno celebra in diverse occasioni i partigiani comaschi caduti per la nostra libertà con la partecipazione di partiti, sindacati e numerose associazioni. Alfonso Lissi partigiano combattente caduto a Lenno il 3 ottobre 1944 giace al cimitero di Como-Rebbio; Perugino Perugini (a cui è intitolata la sezione di Como dell’Anpi), Libero Fumagalli e molti altri giacciono invece al cimitero di Albate. Jlenia Luraschi ha selezionato interventi dagli archivi di ecoinformazioni e AltraComo video prodotti in alcune di queste ricorrenze che vengono riproposte di anno in anno per non dimenticare il passato, riflettere sul presente e vigilare sul futuro.

(altro…)

L’Anpi di Como ricorda Perugino Perugini

A distanza di nove anni dalla sua scomparsa, l’Anpi di Como ha commemorato la figura di Perugino Perugini, partigiano e infaticabile promotore dell’associazionismo democratico e dell’Anpi in particolare.

Il ricordo, lungi dall’essere un rituale appuntamento, serve soprattutto a tenere viva la memoria delle persone che hanno contribuito a costruire la realtà democratica della nazione e del territorio comasco. Serve anche a ricordare che l’impegno antifascista e antirazzista non può essere abbandonato, a distanza di più di settant’anni dalla Liberazione, in una situazione che vede la diffusione non solo di organizzazioni esplicitamente ispirate al fascismo e al nazismo, ma anche di comportamenti indifferenti o, peggio, insofferenti rispetto alle tematiche sociali e politiche dell’attualità.

È quindi importante proseguire l’opera portata avanti per lunghi anni da figure come quelle di Perugino Perugini e della moglie Giordana Meregalli. Alla presenza della figlia Laura, la sezione di Como dell’Anpi hanno preso la parola, per brevi discorsi, Nicola Tirapelle e Marco Biraghi.

[FC, ecoinformazioni]

17 febbraio/ L’Anpi ricorda Perugino Perugini

Come ogni anno, la sezione Anpi di Como, invita a partecipare alla commemorazione del partigiano Perugino Perugini al cimitero di Como-Albate nell’anniversario della sua scomparsa avvenuta il 15 febbraio 2009.

L’appuntamento è sabato 17 febbraio alle 14.30.

Attuare la Costituzione per cambiare l’Italia/ 25 Aprile con l’Anpi a Como/ Tutti gli appuntamenti promossi in città

«La Costituzione, di cui quest’anno ricorre il settantesimo anniversario dell’approvazione, è nata dalla Resistenza che è il fondamento storico dello Stato nel quale viviamo, della Repubblica, della democrazia in Italia. Tutti gli articoli della Costituzione rivelano la preoccupazione, sentita dai Costituenti, di non ricadere negli errori e nella vergogna provocati dall’avvento del fascismo nel nostro Paese. Ma dalla Costituzione emerge netta anche la volontà, l’impegno di trasformare il presente, di camminare nella direzione di un profondo cambiamento del Paese.

A settant’anni di distanza dalla data della sua approvazione, la nostra Carta Costituzionale attende ancora di essere pienamente attuata nei suoi princìpi fondamentali. Siamo di fronte, nel nostro Paese, travagliato da una gravissima crisi economica, ad una pesantissima caduta dell’etica pubblica, al manifestarsi quasi quotidiano di fenomeni di corruzione. La conseguenza inevitabile di questa deriva è costituita dalla perdita di fiducia e dal diffondersi di un acuto disinteresse da parte dei cittadini nei confronti delle istituzioni e della politica. Il distacco dei cittadini dalle istituzioni e dalla politica va affrontato con una profonda rigenerazione della politica che favorisca anche, in ogni forma, la partecipazione, che è il vero sale della democrazia.

Al lavoro, valore fondante della Repubblica, deve essere restituito il suo ruolo e la sua dignità, eliminando il contrasto stridente tra i princìpi costituzionali e la durissima realtà del nostro Paese. I giovani, in particolare, avvertono drammaticamente il disagio di non poter accedere al mondo delle professioni, di dare dunque fattivo sviluppo alle proprie capacità in coerenza coi sacrifici messi in campo per studiare e ottenere competenze. Occorre ribadire ancora una volta che i valori a cui ispirarsi sono solo e sempre quelli di una democrazia fondata sulla rappresentanza, sulla partecipazione, sull’equilibrio dei poteri, sul rispetto della persona umana e della legalità, da parte di tutti.

Non è più tollerabile, inoltre che si ripetano, con sempre maggiore frequenza, nel nostro Paese, manifestazioni di movimenti neofascisti, antisemiti e xenofobi, in netto contrasto col principio di eguaglianza e col carattere antifascista della Costituzione repubblicana. Nella ricorrenza del settantaduesimo anniversario della Liberazione e del 70° anniversario dell’approvazione della Costituzione Repubblicana, dobbiamo assumere l’impegno solenne a realizzare gli ideali per cui tanti sacrifici sono stati compiuti dai Combattenti per la Libertà e a tradurre nella realtà i valori contenuti nella nostra Costituzione, consegnando ai giovani la speranza di un futuro migliore, in un’Italia libera e democratica e in un’Europa unita e sociale. Il nostro Continente attraversato da un pericoloso rifiorire di movimenti antisemiti, xenofobi e razzisti deve ritrovare lo spirito che fu, sessant’anni fa, all’origine della sottoscrizione dei Trattati di Roma in nome dei grandi ideali di pace, di libertà, di democrazia, ponendo al primo posto, il dovere della solidarietà e dell’accoglienza nei confronti delle centinaia di migliaia di esseri umani che fuggono dalle guerre e dalla fame e che cercano rifugio nei Paesi europei.

Invitiamo quindi a partecipare alle seguenti iniziative che la sezione Anpi di Como ha organizzato o ha collaborato ad organizzare:
-23 Aprile
ore 9.30 – celebrazione dei partigiani  GIUSEPPE FRANGI “LINO” e GIOVANNI NEGRINI  al cimitero di Maccio a Villa Guardia
ore 11.00 – celebrazione del partigiano PERUGINO PERUGINI e ricordo con deposizione di un fiore sulle lapidi degli altri partigiani che riposano presso il cimitero di Albate a Como
-24 Aprile
deposizione di un fiore sulle lapidi che ricordano i partigiani  fucilati in Viale Innocenzo XI, Camerlata e Como.
-25 Aprile
ore 9.30 – celebrazione del partigiano ALFONSO LISSI presso il cimitero di Rebbio a Como
ore 11.00 – celebrazioni ufficiali a Como al Monumento alla Resistenza europea. La sezione di Como sarà presente con il gazebo informativo
ore 21.00 – Spazio Gloria di via Varesina 72 a Como, in collaborazione con Arci Xanadù, Arci-ecoinformazioni, Teatro Gruppo Popolare e Istituto di storia P.A. Perretta: presentazione film/documentario sulla vita della partigiana Lidia Menapace NON SI PUO’ VIVERE SENZA UNA GIACCHETTA LILLA, con la presenza di una delle registe e con un contributo video di Lidia Menapace. Ingresso libero. La sezione di Como sarà presente durante la serata con il banchetto informativo.
-26 Aprile
Durante la giornata, Spazio Gloria di via Varesina 72 a Como: spettacoli di impegno civile dedicati alle scuole a cura del Teatro Gruppo Popolare
ore 21 – Spazio Gloria di via Varesina 72 a Como, in collaborazione con Arci Xanadù, Arci-ecoinformazioni, Teatro Gruppo Popolare e Istituto di storia P.A. Perretta: spettacolo musicale con la partecipazione del gruppo rock-folk nazionale MODENA CITY RAMBLERS e dei musicisti Giamba dei Sulutumana e Alfredo Scogna.  Ingresso libero.
La sezione di Como sarà presente durante la serata con il banchetto informativo.»

[Anpi sezione di Como “Perugino Perugini”]

23 Aprile/ Con l’Anpi, Maccio e Albate celebrano i caduti per la libertà

Si sono svolte nella mattinata di domenica 23 aprile le prime celebrazioni a cura della sezione di Como dell’Anpi in occasione del settantaduesimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo e del settantesimo dall’approvazione della Carta costituzionale.

A Maccio di Villaguardia alle 9.30 si è tenuto il ricordo di Guseppe Frangi “Lino” e Giovanni Negrini, alla presenza di una quindicina di cittadine e cittadini. Presente anche una rappresentanza del circolo Olgiatese del Prc. Assente invece quest’anno l’amministrazione comunale.

Ad Albate alle ore 11, un folto gruppo di persone si è ritrovato sotto la lapide di Perugino Perugini, partigiano, per anni colonna portante dell’Anpi a cui la sezione di Como è dedicata. Dopo i saluti del presidente Nicola Tirapelle, la sezione ha ha tenuto un breve discorso per voce di Elonora Figini (leggi qui il discorso). La parola è poi passata a Renzo Pigni e per ultimo all’assessore Marcello Iantorno a nome dell’amministrazione comunale. Presenti oltre alla figlia di Perugino, Laura, il partigiano combattente Elio Marzorati, i consiglieri comunali Luigi Nessi e Celeste Grossi e rappresentanze dell’Associazione di amicizia Italia Cuba, Arci, Associazione Lissi, Partito Socialista e Sinistra Italiana.

Prima di salutarsi, i partecipanti hanno portato un saluto ed un omaggio floreale simbolico anche a tutti gli altri partigiani e staffette che riposano ad Albate, di cui erano presenti alla celebrazione alcuni famigliari: Luigi Ballerini, Libero Fumagalli, Annibale Arnaboldi, Marco Bossi, Ezio Montorfano, Angelo Molteni, Clara Peduzzi  e Luigi Bianchi .

Gli appuntamenti promossi dalla sezione dell’Anpi in occasione del 25 Aprile proseguono martedì 25 e mercoledì 26. Qui tutto il programma.
[jl, ecoinformazioni]

Già on line sul canale di ecoinformazioni i video degli interventi ad Albate.

La lapide di Giuseppe Frangi “Lino” e Giovanni Negrini a Maccio

La celebrazione a Maccio di Villaguardia

Elelonora Figini, Nicola Tirapelle e Elio Marzorati a Albate

La deposizione degli omaggi floreali ai Partigiani a Albate

 

Già on line sul canale di ecoinformazioni tutti gli altri video degli interventi ad Albate.

Anpi/ Perugino Perugini: mantenere viva la memoria

albate-perugino-2017-01Nel pomeriggio di sabato 18 febbraio, la sezione Anpi di Como, come ogni anno, ha promosso al cimitero di Como-Albate, un ricordo del partigiano Perugino Perugini a ridosso dell’anniversario della sua scomparsa avvenuta il 15 febbraio 2009.

Al saluto del presidente della sezione Nicola Tirapelle, è seguito un breve intervento a cura della sezione letto per l’occasione da Francesco Dalla Mura [leggi qui l’intervento]. L’assessore Marcello Iantorno ha portato i saluti e i ringraziamenti dell’amministrazione comunale, prima di lasciare la parola a Laura Perugini, figlia di Perugino. L’intervento conclusivo è stato come sempre affidato a Renzo Pigni che ha ricordato la sua amicizia con Perugino e che a lui va il grande merito di aver mantenuto in vita l’Anpi a Como con impegno e dedizione per tanti anni.

Prima di ringraziare infine, Tirapelle ha informato i presenti che la sezione Anpi di Como sta portando avanti un lavoro di ricerca storica volto a realizzare una pubblicazione sulla vita di Perugino Perugini, che prevede possa essere pronta entro la fine del 2017.

Presenti alla commemorazione inoltre, i consiglieri comunali Vito De Feudis e Luigi Nessi, il consigliere provinciale Tommaso Fasola, Rosalba Benzoni, una rappresenza del Prc e di Anpi e Arci provinciale. [jl, ecoinformazioni – foto Fabio Cani]

albate-perugino-2017-03
La lettura del ricordo a cura della sezione Anpi di Como

 

albate-perugino-2017-04
L’intervento di Laura Perugini

18 febbraio/ L’Anpi di Como ricorda Perugino

commemorazione-perugino-2017Con l’avvicinarsi dell’anniversario della sua scomparsa (15 febbraio 2009), la sezione Anpi di Como, invitia a partecipare sabato 18 febbraio alle 14.30 alla commemorazione del partigiano Perugino Perugini al cimitero del quartiere di Albate di via Caduti albatesi a Como. Sarà l’occasione per ricordare la figura di Perugino ed il suo instancabile impegno nell’attività politica e associativa di Como; inoltre, sarà un modo per celebrare tutte le partigiane ed i partigiani caduti per la libertà e di attualizzare ai giorni nostri gli ideali e i principi percui combatterono durante la Resistenza. A seguire, sono tutti invitati alla sede dell’associazione al primo piano di via Lissi 6 a Rebbio-Como dove ci sarà un piccolo rinfresco e dove si potrà  rinnovare la tessera Anpi per il 2017.

Con l’Anpi il ricordo dei partigiani a Villa Guardia e Albate

L’Anpi sezione di Como, in occasione del 71° anniversario della Liberazione ha commemorato nella mattinata di domenica 24 aprile le figure dei partigiani Giovanni Negrini e Giuseppe Frangi “Lino” a Villa Guardia e Perugino Perugino (a cui è dedicata la sezione) e la moglie Giordana Meregalli al cimitero del quartiere di Albate a Como.

A Villa Guardia presente il sindaco Valerio Perrone, interventuto dopo il presidente dell’Anpi Nicola Tirapelle, alcuni membri della giunta comunale oltre a rappresentanze di associzioni cittadine.

Ad Albate, per la sezione cittadina dell’Anpi è intervenuto Marco Biraghi (l’intervento è scaricabile qui), seguito dal ricordo di Laura Perugini, figlia di Giordana e Perugino e da un saluto di Antonio Proietto per l’Anpi provinciale. Presente il consigliere comunale Luigi Nessi e le rappresentanze di alcune associazioni cittadine tra cui l’Arci, Italia Cuba, l’Istituto di storia P.A. Perretta e l’associzione Alfonso Lissi.

La tomba di Frangi e Negrini a Villa Guardia
La tomba di Frangi e Negrini a Villa Guardia

La commemorazione a Villa Guardia
La commemorazione a Villa Guardia

La commemorazione ad Albate
La commemorazione ad Albate

Il ricordo alla lapide di Perugino e Giordana
Il ricordo alla lapide di Perugino e Giordana

[foto Jlenia Luraschi, Fabio Cani, Giorgio Dallamura]

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: