Numero di telefono e sportello ad hoc per gli esodati contattati dall’Inps

Un numero di telefono, attraverso il quale è possibile fissare un appuntamento presso lo sportello apposito situato nella sede  Inca di Como e verificare la propria posizione retributiva come domandato dall’Inps. Da oggi, gli esodati comaschi che riceveranno la lettera dell’ istituto previdenziale riguardo al diritto di accesso alla pensione, potranno usufruire di un nuovo servizio messo a disposizione gratuitamente dalla Cgil attraverso il patronato. 

«Dopo la  pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto Fornero sugli esodati – commenta Roberta Sfardini, componente della segreteria provinciale della Cgil –  l’Inps sta inviando  una lettera a circa 65 mila persone,  invitandoli a controllare la propria posizione retributiva per verificare il diritto di accesso alla pensione.  A Como e provincia, secondo le stime del direttore dell’Inps, saranno circa 400 gli esodati che troveranno nella cassetta delle lettere la nota. Per questa ragione abbiamo pensato di mettere al servizio dei lavoratori uno sportello dedicato e un numero di telefono».  Una cosa però è certa: ricevere la lettera non vuol dire per forza diventare  salvaguardati: « quello che chiede l’Inps è un controllo della propria posizione retributiva – spiega Chiara Mascetti, direttrice del patronato Inca – per verificare poi il diritto alla pensione».

Il numero di telefono a cui rivolgersi è: 031.2764528, lo sportello sarà attivo soltanto presso la sede Inca di Como e funzionerà con i seguenti orari: 9-12; 14-16 e verrà sospeso dal 6 al 19 agosto, per poi riprendere il 20 agosto.  Il Servizio, come sottolineato da Mascetti «verrà eseguito gratuitamente dal patronato e già da giovedì 26 luglio sarà possibile telefonare e fissare un incontro per la prossima settimana». [Andrea Quadroni, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: