Altre utopie dopo i fallimenti novecenteschi

zoja pubblicoLuigi Zoja ha presentato il suo ultimo libro Utopie minimaliste il 21 giugno alla Feltrinelli di Como dialogando con una trentina di partecipanti. L’incontro è stato proposto da Territori – natura arte cultura e coordinato da Fausta Bicchierai.

Zoja è un noto psicanalista junghiano che da molti anni pubblica saggi sull’osservazione e la comprensione delle dinamiche sociali e culturali del nostro tempo, saggi caratterizzati da una documentazione precisa, vastissima e multidisciplinare. Bibliografia e sitografia, che comprendono autori, studi, rapporti di economia, sociologia, storia, filosofia, politica, occupano infatti molte pagine anche nel suo ultimo volume Utopie minimaliste [Chiare Lettere, 2013, 232 pagg, euro 13,90; disponibile anche e-book]. Un percorso di lavoro del resto coerente con la natura stessa della psicologia analitica di Jung, lo studioso della psiche collettiva e degli archetipi.

L’autore ha illustrato alcuni degli elementi e delle contraddizioni che hanno ispirato il suo lavoro: il fallimento storico, ed etico, dei massimalismi novecenteschi, che hanno rappresentato il tentativo di realizzare utopie appunto massimaliste; il vuoto di ideali condivisi della società di oggi; l’analisi di una realtà socio-economica e ambientale tanto disperante quanto scarsamente contrastata.

A partire da questi elementi, Zoja propone di considerare l’emergere di un altro tipo di utopia, irrinunciabile per chi non si rassegna a una vita passiva, che chiama appunto minimalista, e che si traduce in compito personale. In primo luogo guidato da una continua sorveglianza e comprensione di sé e del consenso che inconsapevolmente ciascuno fornisce a una dimensione sociale malata, a un’economia predatoria verso gli uomini, gli animali e l’ambiente della Terra.

Una chiamata all’assunzione di responsabilità oltre che delle proprie azioni anche del proprio pensiero e addirittura del proprio inconscio. Ha sottolineato come proprio intorno alla questione ambientale e al rapporto con le altre forme di vita della Terra, l’egocentrismo umano trova il suo limite oggettivo, rischiando l’autodistruzione, e insieme trova anche una nuova possibilità di partecipazione, composta di pensiero rinnovato e di comportamenti coerenti. A questo proposito ha richiamato i suggerimenti di altre culture, dalle costituzioni di Equador e Bolivia che contemplano i “diritti della natura” in sé, la Pacha Mama, non più oggetto ma soggetto di diritto, alle filosofie e religioni orientali che promuovono il rispetto di tutte le forme di vita.

Tra gli interventi, Mario Bianchi con un’osservazione sui gravi mali che hanno accompagnato la storia sia del cristianesimo che del comunismo, entrambi pure ispirati a ideali umanistici; Massimo Lozzi ha contribuito con un’osservazione sulla utilità e la necessità della passione per un obiettivo, considerata anche nelle teorie dello yoga e Andrea Taiana con una nota sui comportamenti collettivi autolesionistici e “illogici”, testimoniati per esempio dall’esito del referendum svizzero sul tetto alle retribuzioni dei manager.

L’incontro si è concluso con una nota positiva circa l’introversione costruttiva di una certa nuova generazione critica, che cerca identità, tempi, luoghi e condizioni di vita in controtendenza rispetto alla società dei consumi, e più coerenti con bisogni naturali. [Fausta Bicchierai per ecoinformazioni] [Foto La Feltrinelli, Como]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: