Landini: «Adesso è il momento di esserci»

landinionanoBiblioteca di Como gremita di sindacalisti e  personalità della politica e dell’associazionismo per l’attivo della Fiom con Maurizio Landini.

«Adesso è il momento di esserci». Suona come una chiamata alle armi il discorso che Maurizio Landini, segretario nazionale Fiom, ha tenuto lunedì pomeriggio in biblioteca a Como per l’attivo della categoria metalmeccanica provinciale. A partire dal riferimento alla coalizione sociale, «progetto sindacale, aperto a tutti e non un nuovo partito» spiega il sindacalista. E aggiunge: «È un modo per riunire il mondo del lavoro e allargare la rappresentanza. Non solo il lavoro dipendente, anche i precari e le partite iva, ad esempio. Tutti fanno politica, è il momento di farla per coloro che oggi non hanno rappresentanza in Parlamento, lavorano e pagano le tasse. Non è il progetto di Landini, ma di tutta la Fiom».
Non mancano le stoccate dirette al presidente del Consiglio Matteo Renzi, chiamato sarcasticamente “il genio di Firenze”, e al suo esecutivo: «Il governo non ha il consenso della maggioranza delle persone che lavorano. Abbiamo bisogno di una fase straordinaria perché la gente è lontana dalla partecipazione politica, la metà degli italiani non va a votare, le tutele e i diritti dei lavoratori sono sempre meno. C’è , sul lavoro come a scuola e in molti altri settori, una logica padronale che rappresenta soltanto l’impresa. Dobbiamo riattivare nella testa della gente la necessità di essere rappresentata. E diciamo a Renzi e al governo: noi non molliamo, teniamo più di te».
E sul Jobs act, il leader della Fiom è chiarissimo: «Aumenta la precarietà e diminuisce le tutele e i diritti. O il Parlamento cambia le leggi, oppure si ricorre al referendum».
Per questo, è importante essere a Roma il 28 marzo. Il riferimento è alla manifestazione promossa dai metalmeccanici; al centro della protesta diritti, lavoro, democrazia, giustizia sociale, legalità, reddito, Europa: «Dobbiamo essere tantissimi, è importante», chiosa Landini. E chiude con un invito alla sua stessa organizzazione: «Dobbiamo cambiare pelle, promuovere un ricambio. Se le risorse non si muovono e non si torna sul territorio, avremo vita breve». [aq, ecoinformazioni] Guarda i video dell’iniziativa.

 

1 thought on “Landini: «Adesso è il momento di esserci»

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: