8 COMOCOMUNECambia l’ordine del giorno e per un poco Palazzo Cernezzi accantona le alienazioni. Preliminari Giovedì 9 aprile nelle preliminari al Consiglio comunale comasco Italo Nessi, Como civica, ha ricordato la figura di Giovanni Berlinguer, mentre Mario folano, Pd, ha citato il referendum per la difesa civile e Francesco Scopelliti, Ncd, si è invece scagliato contro l’iniziativa beCOMe «non c’è nessuna nota spese». Ada Mantovani, Adesso Como, ha proposto l’apertura nei festivi dei musei cittadini, dopo gli ultimi successi nelle aperture straordinarie, Laura Bordoli, Ncd, ha chiesto di poter vedere i documenti sul Bilancio consuntivo, «da approvare entro il 30 aprile. Per non fare come sempre di arrivare all’ultimo minuto. Come possiamo valutare l’operato della Giunta?» Alessandro Rapinese, Adesso Como, si è invece scagliato contro il monumento di Libeskind, denunciando la mancanza di misure di sicurezza nel cantiere: «Vi manderò le foto per segnalare le mancanze agli uffici competenti», Andrea Luppi, Pd, invece ha ricordato la strage al campus universitario keniota. Surroghe Dopo un minuto di raccoglimento per Ermanno Pizzotti, chiesto da Luigi Nessi, Paco-Sel, la strage in Kenya e al Tribunale di Milano, Andrée Cesareo, Pd, ha chiesto di invertire l’ordine del giorno e sospendere la discussione sul Piano delle alienazioni per discutere della surroga di uno dei revisori dei conti e di una modifica al Pgt per la creazione di un’area per camper a Tavernola. Una proposta che ha indispettito le opposizioni «le dimissioni dal Collegio dei revisori sono state fatte 45 giorni fa e noi non ne abbiamo saputo niente e vanno approvate entro domani» ha esclamato Bordoli, «si poteva far sapere prima, anche solo per educazione e rispetto» ha aggiunto Rapinese. La maggioranza ha approvato l’inversione e la surroga. Camper Sull’area camper di Tavernola si è accesa un po’ la discussione. Si tratta di uno modifica dal Pgt preliminare al progetto di sistemazione di un’area camper in via Brennero, vicino al campo sportivo, «poi per realizzarlo ci vorranno 30-45 giorni più i tempi tecnici per i premessi – ha affermato l’assessora Daniela Gerosa –, per un costo di circa 100mila euro». Il sindaco Mario Lucini ha ribadito la propria soddisfazione per l’intervento che corona i tentativi di avere uno spazio per i camperisti al centro di diversi emendamenti presentati nel corso degli anni quando era ancora all’opposizione, Marco Butti, Gruppo misto, ha espresso qualche perplessità sulle tempistiche, Rapinese ha invece presentato un ordine del giorno, approvato poi all’unanimità, per controllare «la legittimità delle occupazione in essere sul suolo adiacente al centro sportivo» ovvero gli orti che da anni insistono sull’area. Alienazioni Il dibattito è ripreso quindi con gli emendamenti al Piano delle alienazioni. Approvato quello di maggioranza che prevede lo stralcio di un immobile di via Milano Alta, al 250, per darlo al progetto Le radici e le ali per la coesione sociale dei quartieri di Como Borghi. Contraria la maggior parte dell’opposizione, per Rapinese «perché dare solo a questa associazione uno spazio?», «faccio fatica a capire, ad altre associazioni come la Croce azzurra che ha chiesto uno spazio in più a Camerlata non è stata data risposta». Roberta Marzorati, Per Como, ha, in risposta, elencato tutte le realtà che hanno aderito al progetto Le radici e le ali, il cui operato è stato ricordato da Luigi Nessi, e il ruolo, preponderante del Comune di Como, da Italo Nessi. Al voto la proposta è passata con il voto favorevole di maggioranza, Adesso Como e Movimento 5 stelle. Bocciate invece le proposte dell’opposizione per stralciare la vendita dei muri delle farmacie di Tavernola e Monte Olimpino, ma anche dell’ex scuola all’aperto di via Binda, proposta da Marzorati, «l’ultima possibilità che avete per ripensarci» ha ricordato Butti, su cui anche i malumori della maggioranza sono quasi del tutto, solo Italo Nessi si è astenuto, rientrati: «Purtroppo ci sono delle spese e dobbiamo sostenere questo sacrificio» ha detto Luigi Nessi. La discussione sugli emendamenti riprenderà dopo la prossima seduta di lunedì 13 aprile che sarà dedicata al cantiere delle paratie. [Michele Donegan, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: