Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Benzina/ Conferme sulla differenza di prezzo nella fascia di confine

Come riportato dai Consiglieri regionali Angelo Orsenigo, Partito Democratico, e Raffaele Erba, Movimento 5 Stelle, le associazioni consumatori confermano la differenza sul prezzo del carburante per la fascia di confine.

Si è svolta nel pomeriggio di giovedì 31 maggio l’audizione in Commissione Attività produttive del Consiglio regionale con i rappresentanti del Comitato regionale consumatori utenti che ha confermato le preoccupazioni riguardanti i prezzi del carburante:

«L’audizione […] ha confermato le nostre preoccupazioni circa la differenza di costo alla pompa fra la fascia di confine, interessata dalla carta sconto carburante, e il resto della Regione: si tratta mediamente di circa 10 centesimi al litro. Una somma che non è di poco conto per i consumatori che devono fare rifornimento di benzina o gasolio e che vanifica di fatto il beneficio della carta sconto, trasferendolo dagli utenti alle compagnie petrolifere» afferma Angelo Orsenigo, Consigliere regionale del Partito Democratico.

«Di fatto, rimane ancora conveniente recarsi a fare il pieno nella vicinissima Svizzera – prosegue Orsenigo –. Il Comitato consumatori ha introdotto anche i temi del cambio euro/franco svizzero e delle cosiddette pompe bianche (le stazioni di servizio indipendenti che non fanno parte del circuito delle compagnie di distribuzione di carburante più note, ndr), che devono essere tenuti presenti a questo riguardo».

Conferme anche da Raffaele Erba, Consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, dichiara: «Sono numerose e documentate le denunce per i prezzi gonfiati che vanificano il bonus concesso dalla Regione Lombardia.  Attendiamo di audire le compagnie petrolifere e sentire le loro ragioni. I consumatori hanno già segnalato il caso all’autorità garante per la concorrenza per verificare che le compagnie non stiano facendo “cartello”. Se dovesse emergere un gioco scorretto, chiederemo un rimborso per il bonus che, ricordiamo, pagano tutti i lombardi.

I cittadini che vivono nelle fasce della Carta Sconto devono fare il pieno in Italia, lasciando sul nostro territorio il gettito fiscale (scopo della Carta Sconto), senza sovrapprezzo e senza essere costretti, nonostante il bonus, a fare rifornimento in Ticino».

Ora si attende l’audizione con i rappresentanti delle imprese di distribuzione e delle compagnie petrolifere, fissata a luglio, per sapere se verranno intraprese azioni per poter ripristinare i vantaggi della carta sconto in Provincia di Como così come nelle altre Province di confine. [vc, ecoinformazioni]

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 giugno 2018 da in Economia, trasporti con tag , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: