Video/ Fff in sciopero per studiare e coltivare l’utopia necessaria e vitale

Da sempre lo sciocco luogo comune contro chi lotta parla di secondi fini, irresponsabilità, scelte di comodo. La realtà al contrario vede spesso invece impegno, partecipazione, voglia di stare insieme (è un valore, non un difetto), voglia di essere felici (è un diritto, non un problema) mentre si perseguono cause giuste e condivise.

Così il 24 maggio, smentendo il luogo comune dello sciopero per non studiare, quasi 150 persone, quasi tutte/i giovani, in sciopero, hanno partecipato all’Università dell’Insubria di Como ai secondi Climate talks [sorprendentemente caratterizzati da relatori tutti maschi]. Vederli/e prendere appunti, ascoltare, intervenire, chiedere, argomentare e contestare, assetate/i di conoscenze, voglia di capire, rappresentava pienamente la particolarità di un movimento che intende farsi guidare dalla Scienza e ha ben presente che la costruzione della rappresentazione della realtà, indispensabile per poterla modificare con la lotta, passa per il confronto di opinioni differenti, da ascoltare, comprendere studiare, confutare, contrastare o assumere e sviluppare. Presto on line su ecoinformazioni l’articolo di Fabio Germinario. Già on line sul canale di ecoinformazioni i video dell’iniziativa.

Leggi l’articolo sulla manifestazione del 24 mattina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: