IL traffico impazzito del Black friday ostacola la manifestazione Fff

Per la prima volta il traffico ostacola una manifestazione politica. Davvero paradossale la situazione a Como la sera del 29 novembre, giornata maledetta per l’orgia consumista che ha spinto in Convalle migliaia di auto in più, complice l’Amministrazione comunale che nulla ha saputo predisporre per un prevedibilissimo evento.

Ma si sa i cittadini possono essere sacrificati sull’altare degli affari delle attività commerciali. Tornando al paradosso è accaduto che una manifestazione, certo non oceanica, di Friday for future venisse ostacolata dal traffico. La situazione è stata evidente quando venendo dalla zona delle caserme, dove l’iniziativa di Fff ha avuto l’ultimo appuntamento della giornata, il piccolo festoso corteo ambientalista si è incamminato alle 18 e, arrivato in via Ambrosoli, ha trovato un muro di macchine bloccate in entrami i sensi di marcia. Solo la malafede può portare a pensare che il traffico sia impazzito per la manifestazione che provenendo da un’area quasi senza macchine non avrebbe avuto nessuna possibilità di crearlo. La favola del lupo e l’agnello può aiutare a capire chi vorrà farlo. Superate le difficoltà, grazie alle forze dell’Ordine, i e le manifestanti per il clima hanno preso via Mentana. Arrivati in fondo, intorno alle 18,45 hanno dovuto nuovamente disimpegnarsi tra le auto di Viale Cesare Battisti da dove hanno proseguito sul marciapiede fino alla Regione, dove non c’erano tanti pedoni, tutti asserragliati nelle vie dello shopping a versare il loro obolo al dio black friday. [Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: