ecoinformazioni on air/ Rapinese chiude la pandemia

Il servizio di Gianpaolo Rosso nell’edizione delle 7,15 del 7 settembre di metroregione di Radio Popolare. Grande attivismo del monocolore di destra del sindaco Rapinese a Como. Crea problemi internazionali la scelta di concentrare sulle macchine svizzere la rimozione delle auto in sosta vietata, fanno arrabbiare gli studenti che parlano di repressione della socialità le multe agli skaters e l’idea di vietare il consumo di alcolici in pubblico.

Ma l’attacco più incisivo è alla scuola: decisa la privatizzazione, nonostante la netta contrarietà dei sindacati, della mensa di Via Sinigallia e l’esternalizzazione del nido di Lora.
Ora la scelta di aumentare del 7,8 per cento le tariffe di tutti gli asili nido. Per il governo di Palazzo Cernezzi la riduzione dell’impatto sulle famiglie delle rette, adottato durante la pandemia, non ha più motivo di essere e il Comune aumenta quanto i cittadini devono pagare in base all’aumento dell’inflazione. I servizi pubblici essenziali non sono un diritto, vanno pagati persino in un Comune straricco che non riesce mai a spendere ciò che incassa, con un avanzo di bilancio di 60 milioni di euro. [Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni Como]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: