Diritto di culto a Cantù

Dopo la sentenza dell’11 marzo che garantiva la possibilità per l’associazione Assadaka di iniziare il Ramadan, anche per Cantù arriva la tutela del Tar, con un decreto cautelare, all’utilizzo dell’immobile di proprietà del comune per le attività dell’associazione in vista delle celebrazioni religiose come da essa richiesto, con udienza collegiale prevista per il 4 aprile. Per il quarto anno il tribunale amministrativo ha garantito quindi la possibilità di poter esercitare il diritto di culto, annullando anche in questo caso il veto – che appare sempre meno ragionevole anno dopo anno, alla luce anche delle precedenti sentenze – dell’amministrazione canturina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: