Fondazione Minoprio

17 maggio/ Giornata della sicurezza sul lavoro

La commissione provinciale per la sicurezza sul lavoro organizza la XX ornata della sicurezza sul lavoro venerdì 17 maggio ore 9-12 alla Fondazione Minoprio in viale Raimondi, 54 a Vertemate con Minoprio (CO). L’uso sostenibile delle sostanze pericolose: un percorso per la salvaguardia del lavoratore e dell’ambiente.

Ore 8.30 Registrazione dei partecipanti. Ore 9 Saluti delle autorità Ignazio Coccia, Prefetto di Como Mario Landriscina, Sindaco di Como Lucas Maria Gutierrez, Direttore Generale Ats Insubria. I moderatori: Edoardo Michele Majno, Direttore Sanitario e M. Rita Aiani, Direttrice Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Como. Ore 9.30 Rischi da sostanze cancerogene e sensibilizzanti ancora in uso nei processi lavorativi di Paolo Mascagni, Direttore Medicina del Lavoro e Dipartimento di Medicina Occupazionale, Ambientale e di Comunità, Asst Monza. Ore 10 Il ciclo delle sostanze e miscele dalla nascita alla loro trasformazione: l’evoluzione delle normative Europee (Reach-Clp) e Nazionali Legge132/18, M. Rita Aiani, Direttore Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Como Simona Mariani, Ingegnere per la Sicurezza del Lavoro e dell’Ambiente PSAL Como. Ore 10.30 L’impronta ambientale di prodotto: che cosa è e che vantaggi competitivi per le Imprese (Csr) di Camilla Facheris, Professore Green, Centre for Geography, Resources, Environment, Energy and Networks Università Bocconi. Ore 11 Conversione ecologica: eliminare il conflitto tra salute del lavoratore e salvaguardia dell’ambiente, Enzo Tiso, direttore Psal Varese e membro direttivo lega Ambiente Como. Ore 11.40 intervento delle organizzazioni sindacali Cgil-Cisl dei Laghi-Uil. Ore 12 dibattito e chiusura dei lavori.

La partecipazione al convegno è gratuita. Si prega di inviare, entro il 10 maggio 2019, la scheda di adesione, presente sul sito di Ats Insubria via posta elettronica a: Ats Insubria sede territoriale di Como Servizio prevenzione e sicurezza sul lavoro.

Segreteria organizzativa Via Castelnuovo, 1 – 22100 Como. dipartimento.ips@ats-insubria.it [Ats Insubria]

20 gennaio/ Minoprio/ “Neve diventeremo”

7grani

Sabato 20 gennaio alle 21, all’Auditorium della fondazione Minoprio (via Raimondi, 54), il gruppo folk-rock 7grani si esibirà in Neve diventeremo, concerto-spettacolo dedicato alla memoria e alla Resistenza e comprensivo di brani originali e cover di Guccini, Strehler, De Gregori, Theodorakis, Area, The Gang e De André.
Durante la serata saranno proiettati il documentario Storia di rado e il video Neve diventeremo, ispirato alla storia del partigiano Radovan Ilario Zuccon, deportato e sopravvissuto al campo di sterminio nazista di Buchenwald in Germania.
Ingresso libero. [AF, ecoinformazioni]

Fondazione Minoprio centro vitivinicolo

fondazione minoprioIl centro regionale per la formazione in campo florovivaistico si fonderà con il Centro vitivinicolo provinciale di Brescia.

 

«Fondazione Minoprio è destinata a diventare un punto di riferimento per il vitivinicolo a livello regionale e questo è solo il primo passaggio del progetto» afferma l’assessore regionale all’Agricoltura lombardo Gianni Fava.

«Si tratta di un progetto partito dal territorio, dai consorzi della provincia di Brescia, come ha sottolineato Mauro Tognoli [vicepresidente del Centro vitivinicolo provinciale di Brescia], che va ad arricchire i comparti forti della Fondazione Minoprio sotto il profilo della sperimentazione e della ricerca. In un settore, quello dei vini, che vede la Lombardia unica tra le regioni italiane a registrare una crescita annua dell’export dell’11,6 per cento».

La Coldiretti di Como e Lecco ha rilevato che «sempre più giovani enologi: arrivano anche dalle province lariane» e «più in generale, sono i giovani lombardi a sognare sempre più un futuro in vigna». Infatti: «Tra il 2010 e il 2014, all’Università Statale di Milano, le iscrizioni al corso di laurea di primo livello in Viticoltura ed enologia hanno fatto registrare un boom del 38 per cento», passando «dai 319 dell’anno accademico 2010/2011 ai 440 attuali». Una laurea con buone prospettive di lavoro «con l’82,5 per cento dei laureati che è occupato a cinque anni dalla conclusione del ciclo di studi contro il 74,2 per cento di quelli del gruppo giuridico, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Almalaurea».

«Secondo i dati della Camera di commercio di Milano relativi al 2013 – spiega Coldiretti per il vitivinicolo – in Lombardia nell’intero comparto operano 4.457 imprese, in calo del 3,7 per cento rispetto al 2009, mentre gli addetti sono circa 6.300. La coltivazione di uva è la prima attività con quasi 3.200 imprese, di cui oltre 1.700 in provincia di Pavia. Le altre zone maggiormente vocate alla produzione sono: Brescia, Sondrio, Bergamo e Mantova. Tra le zone di eccellenza c’è anche quella del San Colombano, l’unico vino doc di Milano. Di nicchia la viticoltura delle nostre province, dove si produce l’Igt Terre Lariane».

«Con la riforma degli Enti provinciali dobbiamo trovare soluzioni logiche a Enti che, fino a oggi, gravitavano attorno alle Province, pur operando in autonomia – ha concluso l’assessore regionale –. E, tra i soggetti ideali, la fondazione Minoprio si presentava con le carte in regola per efficienza e capacita di autogestione». «La Fondazione Minoprio sarà sempre più centrale e questo allargamento dei servizi ne è la dimostrazione – ha precisato Fava – . Mi piacerebbe, entro la fine del mandato, razionalizzare i servizi sul territorio regionale, perché troppa gente fa le stesse cose. Questa struttura regge, perché è in grado di sostenere i costi e di funzionare: diventerà certamente un polo di eccellenza dei servizi lombardi al florovivaismo, alla formazione professionale e si allargherà a un comparto che in questo momento vive una fase straordinaria». [md, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: