L’Arci propone un’assemblea aperta all’aperto

In vista dell’incontro del 29 agosto di Primarie vere per Como, Enzo D’Antuono, presidente dell’Arci di Como,  lancia la  proposta  di un’assemblea aperta l’8 settembre su “La città che vogliamo”. «L’Arci di Como segue con attenzione e interesse il percorso avviato con Primarie vere per Como.  Anche noi, come tanti, sentiamo forte l’esigenza di un cambiamento non solo nelle persone e nelle forze che governano questa città, ma anche nel modo di praticare democrazia e partecipazione. L’esperienza avviata da Primarie vere crediamo vada in questa direzione.

Pensiamo che questo percorso vada ulteriormente arricchito di momenti che gli diano un respiro maggiore, che lo mettano in relazione diretta con la città. L’idea che proponiamo è quella di tenere al più presto un’assemblea all’aperto. Un’assemblea aperta a tutti i cittadini sul tema “La città che vogliamo”, per parlare di idee e programmi dando la parola direttamente alle persone.

Questa iniziativa ─ sulla quale abbiamo già avuto modo di scambiare opinioni con Danilo Lillia e Luca Michelini ─ al di là dei suoi contenuti avrebbe un valore simbolico enorme.

L’assemblea potrebbe essere aperta da una serie di brevi interventi nella forma di “Lettera ai candidati”, da chiedere a persone esperte sui vari argomenti (rifiuti, traffico, spazi di cultura e socialità, servizi sociali ecc..), che raccontino lo stato dell’arte e cosa si potrebbe fare. In questo modo si darebbe una traccia per il dibattito.

 Nell’attesa che questa proposta maturi, visto che la richiesta dello spazio pubblico va inoltrata un mese prima, l’Arci ha prenotato per l’8 settembre la piazza antistante il liceo Volta. Un’opportunità che cediamo volentieri a “Primarie vere” che auspichiamo sia promotore diretto dell’iniziativa».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: