Aperte le proposte per la raccolta dei rifiuti a Como, ora si valuta ora la congruità della proposta

Lunedì 29 ottobre si è svolta «l’apertura delle offerte economiche e la contestuale comunicazione degli esiti delle offerte tecniche presentate dai tre concorrenti (Aprica Spa di Brescia, Tradeco Srl di Altamura e il raggruppamento temporaneo formato da Econord Spa di Varese e Aimeri Ambiente Srl di Rozzano)» per la gestione della raccolta dei rifiuti nel capoluogo lariano

«La miglior offerta presentata per la gara d’appalto per i servizi di nettezza urbana indetta dal Comune di Como è stata presentata dalla società Aprica spa di Brescia – annunciano da Palazzo Cernezzi –. L’offerta ha ottenuto un punteggio relativo alla parte tecnica che supera i 4/5 del punteggio massimo previsto dal bando di gara. D’altro canto, l’offerta di Aprica spa supera i 4/5 del punteggio massimo previsto per l’offerta economica, che si compone attraverso un calcolo complesso che tiene conto dei ribassi relativi a diverse componenti».

«In casi come questo, la normativa prevede che si proceda ad una verifica della congruità della proposta economica (ossia i ribassi presentati) in relazione all’offerta tecnica (cioè la qualità dei servizi proposti) – spiega il Comnune di Como –. Quando si verificano queste condizioni, l’offerta è definita “anomala” ed è previsto che la commissione provveda a trasmettere la documentazione al responsabile unico del procedimento, per la verifica della congruità della proposta».

Nel frattempo la Giunta Lucini ha deciso la proroga della gestione in corso «ad Ati (Econord Spa – Acsm ambiente Srl) per il periodo 1 novembre 2012 – 31 gennaio 2013» con un impegno di spesa di 2.411.499,42 euro. [md – ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: