Lucini con Ambrosoli per una soluzione alle paratie

ambrosoli_umbertoUmberto Ambrosoli è arrivato a Como, simbolicamente sul lungolago, martedì 12 febbraio dove ha incontrato il sindaco Mario Lucini e ha promesso il proprio impegno per risolvere il problema del cantiere

Una trentina di persone ha accolto il candidato della coalizione Lombardia bene comune Umberto Ambrosoli che è passato in vista delle elezioni nel capoluogo lariano.

Da uno dei pontili della Navigazione, con vista su tutto il cantiere delle paratie, Ambrosoli e il sindaco di Como Mario Lucini hanno affrontato uno dei punti più problematici per la nuova Amministrazione di centrosinistra di Como l’interminabile cantiere che priva Como del suo accesso al lago.

Il primo cittadino comasco ha chiesto al candidato del centrosinistra un impegno per «fare in modo che quello speso sinora abbia una ragione d’essere», soprattutto ora che c’è stato un «cambiamento rispetto al rapporto con l’università», a cui sono stati commissionati studi sulla stabilità degli edifici prospicienti il cantiere e «gli albergatori che si sono resi disponibili al finanziamento di uno studio di fattibilità» per la riqualificazione dell’area.

«Si percepisce la ferita alla città» ha replicato Ambrosoli che ha rilevato come la situazione attuale oscuri e blocchi le potenzialità turistiche della città e di qui ha preso l’impegno per un fattivo interessamento.

Il candidato alla guida della Regione Lombardia non ha però nascosto le difficoltà che l’ente regionale potrà avere nella raccolta di fondi, ma non si è perso d’animo e ha dichiarato che «ci sono tanti modi diversi per raccogliere risorse, anche tramite privati» e per questo «tutti i soggetti che possono partecipare saranno attivati».

La colpa e la miopia della vecchia Amministrazione consistono nella «carenza di ascolto», non solo a Como, ma anche in Regione, «non ascoltavano chi vive la città in tutti i settori», un’incapacità ricorrente di «programmare in maniera partecipativa» e una protervia  nel decidere sistematicamente senza tenere conto delle  posizioni degli altri, che Ambrosoli non si ripeteranno più con la sua eventuale elezione. [Michele Donegana – ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: