Amo la mia città contro l’appalto del calore

logointrozziLa lista civica che appoggia la Giunta Lucini a Como critica il bando approvato dal’Amministrazione

Il gruppo politico comasco esprime perplessità sull’assegnazione dell’appalto calore e «la scelta di portare avanti le procedure sulla base del bando attuale» per «i molti elementi negativi» dello stesso «che, si ricorda, è stato emesso pochi giorni prima della scadenza del mandato della Giunta Bruni».

«Trattandosi di un appalto che impegna il Comune per un periodo molto lungo (9 anni) e per un costo stimato di ben 36 milioni di euro, sarebbe stato opportuno un confronto più approfondito, anche attraverso l’acquisizione di ulteriori contributi scientifici e incontri aperti alla cittadinanza – viene ribadito in un comunicato stampa –.
Gli aspetti più critici che si segnalano sono tre:
- Il capitolato di gara prevede solo interventi sugli impianti e non sugli edifici (serramenti, isolamenti etc.) che, viceversa, sono quelli che consentono i maggiori risparmi;
- Il calcolo dei compensi per le forniture non prevede alcun incentivo al risparmio energetico;
- I corrispettivi ai fornitori per unità di consumo appaiono troppo elevati e, soprattutto, non soggetti a gara».

«A fronte di quanto sopra, l’obiettivo di ridurre il consumo energetico potrà essere perseguito solo con un’attenta attività di monitoraggio da parte del Comune – prosegue e conclude la nota –. Confidiamo quindi nel fatto che l’Amministrazione comunale saprà mettere in atto procedure di controllo efficaci e trasparenti. Particolare attenzione in tal senso dovrà essere data all’assegnazione dei controlli e alla rendicontazione dei costi dell’appalto». [md – ecoinformazioni]

2 thoughts on “Amo la mia città contro l’appalto del calore

  1. Bene, prendiamo atto della posizione di Amo La Mia Città, sperando che durante la votazione della Mozione presentata dal Movimento 5 Stelle per la revoca del bando energia, si ricordino di questo comunicato e votino a favore della mozione.

  2. “A fronte di quanto sopra, l’obiettivo di ridurre il consumo energetico potrà essere perseguito solo con un’attenta attività di monitoraggio da parte del Comune – prosegue e conclude la nota –. Confidiamo quindi nel fatto che l’Amministrazione comunale saprà mettere in atto procedure di controllo efficaci e trasparenti. Particolare attenzione in tal senso dovrà essere data all’assegnazione dei controlli e alla rendicontazione dei costi dell’appalto». [md – ecoinformazioni].”

    Queste considerazioni pari pari sono state fatte nel Coordinamento Politico anche dai due esponenti del Partito Socialista, vedremo in futuro verranno messe in atto quelle azioni di controllo efficaci e trasparenti.

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: