Dire, fare, partecipare

dire fare partecipareUna iniziativa promossa da Movimento per la decrescita felice – Circolo di Como e associazione Altro futuro, in collaborazione con l’Associazione nazionale Comuni virtuosi e il patrocinio dei Comuni di Como, Olgiate Comasco e dell’Amministrazione provinciale, due appuntamenti a Olgiate Comasco il 20 e il 21 settembre e la Scuola di Altr(a) Amministrazione a Como il 28 settembre

«Come è noto, la necessità di ridurre costantemente la spesa pubblica ostacola, di fatto, la capacità operativa di un’Amministrazione locale. D’altra parte, però, perseguire gli obiettivi di una buona gestione dei beni comuni deve essere il primo pensiero di ogni sindaco, assessore, consigliere, dirigente, funzionario – dichiarano Giorgio Fontana, presidente del Movimento per la decrescita felice – Circolo di Como, e Claudio Allievi, presidente di Altro futuro –. Di quali strumenti operativi possono oggi liberamente disporre, se non della forza delle idee e magari dell’esempio di soluzioni già realizzate, cioè delle buone pratiche? Ecco perché, anche per sfruttare le intuibili economie di scala, una sessantina di Comuni italiani si sono già riuniti nell’Associazione dei Comuni virtuosi, proprio per condividere in maniera operativa una serie di buone pratiche amministrative su temi relativi a gestione del territorio, mobilità sostenibile, impronta ecologica della macchina comunale, rifiuti, stili di vita e partecipazione attiva. Da qui l’esigenza di realizzare una vera e propria Scuola di Alt(r)a Amministrazione, con il preciso scopo di trasferire in maniera veloce ed efficace tali esperienze. Questa trasferibilità si manifesta nella partecipazione diretta di amministratori di Comuni Virtuosi che, in qualità di docenti, esemplificano e testimoniano la loro esperienza direttamente ad altri amministratori».

«La scuola ha lo scopo di contribuire alla diffusione di pratiche di gestione “virtuosa” della “res publica” e alla trasmissione di competenze fra amministratori – precisa una nota –. Le buone pratiche, già attuate e sperimentate con successo in alcuni comuni italiani verranno illustrate e spiegate ai partecipanti. I destinatari del corso sono amministratori locali, tecnici, funzionari e dirigenti comunali, ma anche cittadini motivati a riprodurre sul territorio buone pratiche di successo. I docenti sono i protagonisti che hanno ideato e concretizzato i progetti descritti: sindaci, assessori, consiglieri comunali, rappresentanti di aziende che hanno fornito beni e servizi per conto del Comune. Questo primo anno sarà dedicato alle esperienze di partecipazione attiva dei cittadini e alle pratiche di sostenibilità. Racconteremo l’esperienza del Comune di Desio (MI), con il suo piano regolatore che tutela il territorio e riduce il consumo di suolo. Andremo alla scoperta del più grande e riuscito progetto di gruppo di acquisto energetico promosso dal Comune di Ponte nelle Alpi (BL). Parleremo da vicino di come si raggiunge l’80 per cento di raccolta differenziata e si riducono i rifiuti, con il Comune di Monte S. Pietro (BO). Conosceremo infine le politiche inclusive e partecipative promosse dal Comune di Busseto (PR)».

L’iscrizione alla giornata formativa costa 50 euro a persona, il modulo è compilabile on-line all’indirizzo Internet www.altramministrazione.it/modulo-di-iscrizione/, per informazioni www.altramministrazione.it/events/la-scuola-.

Programma dei tre giorni (programma in pdf):

Incontro pubblico con Alessio Ciacci, venerdì 20 settembre alle 20.30 nella Sala del Consiglio comunale in piazza Volta a Olgiate Comasco;

Bilancio partecipativo cos’è? Come e perché, incontro pubblico con Stefano Stortone, sabato 21 settembre alle 09.30 nella Sala del Consiglio comunale in piazza Volta a Olgiate Comasco;

Scuola di AltRa Amministrazione, sabato 28 settembre alle 9.30 nel Chiostro di Sant’Abbondio in via Regina a Como. [md – ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: